I Cavill, la famiglia del crawl: Syd

Syd Cavill a St. Francisco (al centro) con Scott Leary (a destra).

 

Syd era il primo dei figli di Fredrick Cavill a nascere in Australia. Per questo era Syd, che stava per “Sidney”. Infatti era nato a Sidney, anzi, nel sobborgo di St. Leonards, e di conseguenza il suo nome completo, quello con cui fu battezzato, composto e significativo come piaceva al padre, fu Sydney St. Leonard Cavill. Quando nacque, il 2 aprile 1881, il “professore” aveva già 41 anni. La madre “Theophila”, invece, ne aveva 32.

nuotatore

Syd era il quinto maschio e l’ottavo figlio della famiglia e come voleva la tradizione divenne nuotatore di talento e istruttore. Bravissimo da subito, vinse il campionato australiano “amateur” delle 220 yard stile libero nel 1897, a 16 anni. Il suo grande rivale di quel momento era Freddy Lane, interprete sopraffino del trudgen che nuotava per la squadra degli Estern Sidney e che sarebbe diventato campione olimpico a Parigi nei 200 metri e nei 200 a ostacoli. Lane avrebbe anche sfiorato la leggenda per aver nuotato le 100 yard in 60 secondi, record che ottenne nel 1902 , quando viveva a Londra. Nel 1897 aveva 17 anni, uno in più di Syd, essendo nato il 2 febbraio del 1880.

professionista

E’ indubbio che anche Syd Cavill avrebbe potuto essere protagonista dei Giochi di Parigi, se un’occasione troppo invitante non lo avesse spinto a diventare professionista. L’occasione venne da una proposta arrivata dall’America nel 1899. Avrebbe dovuto allenare l’Olympic Sporting Club, una prestigiosa società di San Francisco, interessata alla sua fama. L’anno prima aveva fatto una tournee in America e aveva lasciato un’ottima impressione. Il Club  era una delle istituzioni più importanti del suo genere. Era nato nel 1860, grazie a 23 signori che volevano trasformare le loro sessioni informali di ginnastica, tenute nel cortile dei maestri tedeschi Arthur e Charles Christian Nahl, in un’istituzione duratura. Nel 1899 aveva una splendida piscina e una invidiabile “Club house”. L’elenco dei membri includeva nomi come Mark Twain, William Randolph Hearst, Charles Crocker, Leland Stanford, James G. Fair e John Mackay. Il giovane campione poteva congratularsi con se stesso per quella posizione che non solo sarebbe stata altamente remunerativa, ma soprattutto era permanente.

St Francisco

Syd partì per gli USA nello stesso anno. Maturò le sue idee sul crawl proprio durante quel viaggio, nella sosta che lo vide sfidare una nativa dell’isola di Apia, che per nuotare non usava le gambe, ma le braccia in maniera formidabile. Le sue esperienze e la possibilità di condividerle col fratello Arthur lo avrebbero portato a concepire gli elementi base del nuovo stile. Il successo sopraggiunse soprattutto grazie al talento del suo pupillo americano, John Scott Leary. Sotto la sua guida, Leary divenne un formidabile crawler e stabilì il record statunitense delle 100 iarde, a Portland, in Oregon, nel 1905, in sessanta secondi. Quel tempo, così simbolico per l’epoca, lo eguagliava ai grandi australiani Lane e Dick Cavill, esaltando il livello tecnico del suo paese. Nel 1904 Leary vinse anche un argento e un bronzo all’Olimpiade di St.Louis.

Farfalla

Syd sarebbe rimasto a St Francisco ventiquattro anni, allenando molti campioni a livello di club, di costa pacifica, campioni di livello nazionale e olimpico. Anche la sua squadra di pallanuoto ebbe un certo successo, tra l’altro vinse il campionato nazionale del 1920. Tra i suoi meriti gli si attribuisce quello di aver ideato il Double Overarm Breastroke, l’antesignano della  farfalla, nel 1915. Lo stile, però, era considerato troppo faticoso per diventare popolare. Così ci vollero altri  30 anni perché i ranisti lo prendessero davvero in considerazione, facendone poi una specialità a parte.

American life

Per dieci anni Syd condusse la sua vita californiana a San Rafael. Nel 1940 si spostò a San Rafael Judicial Township. Sposò Charlotte  Sharp detta Lottie il 2 aprile 1902, da cui ebbe una figlia. Morì il 3 maggio 1945, a Oakland, a 64 anni. Era rimasto l’ultimo della lunga stirpe dei fratelli Cavill.

 

Sara Curtis: "Sorridere è una buona medicina. Mi fido di Thomas, ma soprattutto lui si fida di me."

Sara Curtis: “Sorridere è una buona medi...

Il sorriso è il suo biglietto da visita. Per Sara Curtis si tratta di una stagione che sta evolvendo in ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative