L’Ungheria vince il 4 Nazioni giovanile di Budapest. Davanti a Polonia, Slovacchia e Repubblica Ceca

Il 18 e 19 maggio presso il complesso sportivo “Tüske” di Budapest è andato in scena  il “V4 Olympic Hopes’ Meet 2024” incontro multinazioni con le giovani promesse di Ungheria, Slovacchia, Repubblica Ceca e Polonia, hanno gareggiato circa 100 nuotatori delle seguenti annate (2009-2010).

Il Presidente della federnuoto ungherese (MÚSZ) Sándor Wladár: “Alcuni dei giovani che hanno partecipato potrebbero far parte della squadra olimpica di Brisbane, e alcuni potrebbero persino competere già nel 2028 a Los Angeles”

Durante le due giornate di competizione Ungheria e Polonia sono state testa a testa, ma alla fine i padroni di casa sono riusciti a superare i rivali polacchi con un punteggio di 484 a 443, mentre nel conteggio delle medaglie il computo è stato di 47 a 42 con 22 vittorie ungheresi sulle 38 gare a programma.

Attila Selmeci, vicepresidente MÚSZ ed ex tecnico di Kristof Milak, “Questa generazione sta iniziando a farsi conoscere, una competizione come questa è sempre un’enorme opportunità perché qualcuno inizi la sua carriera. Ripensando a Kristóf Milák, anche lui ha iniziato in questo modo, ottenendo i primi successi in competizioni simili, prima di diventare campione europeo junior nel 2016. Spero sinceramente che anche da questa generazione emergano talenti con cui poi ci confronteremo in competizioni internazionali più importanti.”

L’edizione del scorso anno venne svolta a Gliwice, in Polonia, con la vittoria della formazione ungherese, prese parte alla competizione del 2023 la 16enne Vivien Jackl (2008), l’atleta rivelazione dei Campionati nazionali ungheresi di inizio aprile dove ha ottenuto il primato europeo juniores e la terza prestazione mondiale stagionale nei 400 misti  (4.34.96).

A Belgrado il Central European Countries Junior Multination (CECJM 2024).

Dal 12 al 14 luglio si svolgerà a Belgrado, in Serbia, l’edizione 2024 dei Central European Countries Junior Multination (CECJM 2024)evento internazionale giovanile riservato ai giovani nuotatori delle nazioni dell’Europa centrale, lo scorso anno la competizione venne svolta 

Articoli correlati

Sara Curtis: "Sorridere è una buona medicina. Mi fido di Thomas, ma soprattutto lui si fida di me."

Sara Curtis: “Sorridere è una buona medi...

Il sorriso è il suo biglietto da visita. Per Sara Curtis si tratta di una stagione che sta evolvendo in ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative