La VAR in piscina

La commissione per la revisione dei regolamenti della NCAA ha approvato l’opzione di video-controllo per determinare con precisione le eventuali violazioni alla regola dei 15 metri. (Come è noto non è permesso rompere la superficie dell’acqua oltre la linea dei 15mt dopo il tuffo e le virate)

La normativa introdotta sarà efficace per l’anno accademico 2019-2020 durante la “regular-season” così come durante i campionati di “Conference” e gli NCAA.

Prima degli eventi, verrà stabilito dal meet director se si ricorrerà all’utilizzo di questo video check e tutti i partecipanti saranno informati prima della competizione. Tutti i video check saranno controllati prima di ufficializzare i risultati.

L’arbitro ha potere esclusivo sulla revisione e la sua decisione non sarà soggetta ad ulteriori controlli o reclami ed appelli. Gli allenatori non potranno quindi ricorrere in alcun modo e non avranno modo di visualizzare il video in alcun momento.

Solo il Giudice Arbitro ed un rappresentante di conference o della NCAA (e comunque non legato ad alcuna squadra in gara) possono visualizzare il video utilizzato per il video-check.

Fonte NCAA

Photo G.Scala/Deepbluemedia.eu/Insidefoto

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Riccardo Vernole per Nuotopuntocom: la FINP verso Tokyo

Riccardo Vernole per Nuotopuntocom: la F...

A margine del Campionato italiano in acque libere FINP di Alghero (Freedom in water), abbiamo incontrato ed intervistato il Commissario ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu