Cartellino giallo per Mack Horton

La FINA ha inviato una lettera di ammonizione a Swimming Australia in seguito alla protesta silenziosa di Mack Horton per la presenza in gara del cinese Sun Yang. Horton si è rifiutato di condividere il podio dei 400 stile libero con Sun e il nostro GabrieleDetti.

Di seguito la comunicazione:

Il consiglio direttivo della FINA si è riunito oggi a Gwangju per valutare quanto accaduto in occasione della premiazione dei 400m stile libero maschili e ha deciso di inviare una lettera di ammonizione a Swimming Australia e all’atleta Mack Horton.

FINA rispetta il principio della libertà di parola, purché sia esercitato in un contesto adeguato.

Come in tutte le maggiori organizzazioni sportive, i nostri atleti e i loro accompagnatori sono consapevoli delle loro responsabilità verso i regolamenti della FINA e non possono utilizzare gli eventi organizzati dalla stessa FINA per iniziative personali.

La vicenda oggetto della protesta di Mark Horton è attualmente al vaglio della Corte per l’arbitrato sportivo (CAS) e non è pertanto corretto da parte della FINA influire sulle decisioni della Corte con ulteriori commenti.

Parole certamente condivisibili, che non nascondono l’imbarazzo della FINA per una gestione certo non ottimale della situazione Sun. Imbarazzo sul quale è piovuto oggi l’affaire-device, per un’immagine istituzionale non delle più brillanti.

Leggi la news con il commento di Craig Lord

 

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Riccardo Vernole per Nuotopuntocom: la FINP verso Tokyo

Riccardo Vernole per Nuotopuntocom: la F...

A margine del Campionato italiano in acque libere FINP di Alghero (Freedom in water), abbiamo incontrato ed intervistato il Commissario ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu