D8 – PILATO: 14 ANNI D’ARGENTO, BRONZO PALTRINIERI

RECAP:  DAY 1DAY 2DAY 3DAY 4DAY 5 – DAY 6DAY 7 – DAY 8

MEDAGLIERE DEL NUOTO IN VASCA

NAZIONIOROARGBROTOT
1United States of America USA148527
2Australia AUSTRALIA59519
3Hungary UNGHERIA4004
4Russian Federation RUSSIA37616
5Italy ITALIA3238

RECAP 

14 anni d’Argento. Vice-Campionessa del Mondo. Lacrime di gioia. Oggi la più forte del mondo nella parte nuotata.

Per Benedetta Pilato non è stata una partenza all’altezza di una finale mondiale dei 50 metri rana, ma lo sviluppo della nuotata nel corso della prova è stato qualcosa di meraviglioso che al momento non ha pari nel mondo. Al touch finale la nuotatrice tarantina è splendida medaglia d’argento (30.00) e scoppia in un pianto liberatorio misto a grande gioia per il risultato ottenuto. L’americana Lily King vince la prova con difficoltà  (29.84), sollevata dal risultato ma consapevole che d’ora in poi nello sprint avrà un avversaria di più, per il momento è lei la Regina di specialità anche se si chiama King.  Al bronzo la russa Yulia Efimova  (30.15).

Quinta posizione per Martina Carraro che chiude un ottimo mondiale che la vista grande protagonista con il bronzo ed il doppio record italiano dei 100 rana e che la lancia in proiezione olimpica come una possibile protagonista. Anche oggi è lei la migliore nel reaction time.

Podio 100 rana donne.

Adesso per Benedetta ed il suo staff inizia la sfida più difficile, portare le sue qualità fino ai 100 metri per poter coltivare il sogno olimpico. Saranno in tre le azzurre in gare per il pass olimpico, Carraro, Castiglioni ed appunto Pilato, fatto salvo new entry a questi livelli nel corso della prossima stagione agonistica.

“Ero molto tesa, in realtà non lo sono mai stata così tanto prima di una gara, ma credo sia normale. Era una finale mondiale. La mia prima volta. Sapevo di potermela giocare e sono felicissima del risultato. Sono stata anche in testa, ma sapevo che sarebbe stato difficile conservare la posizione. In realtà pensavo di essere arrivata terza. Poi ho visto che ero seconda. Wow. Ancora non ci credo. Alla fine non ho capito nulla, per un attimo ho avuto la sensazione di sentirmi male, infatti King mi ha abbracciato e mi ha detto: è tutto ok. Alla fine tutte mi hanno rivolto i complimenti. Adesso voglio vivere questo momento; ma desidero capire fin dove posso spingermi già ai mondiali junior dove nuoterò anche altre gare. E’ stata una gara strabiliante e siamo una squadra fantastica”.

Finale dei 1500 stile libero che inizia proprio come ci si aspettava, con Gregorio Paltrinieri in testa alla gara accerchiato dall’esile ma consistente tedesco Florian Wellbrok e dall’ucraino Mykhailo Romachuk.

Paltrinieri nello sviluppo della gara cerca di continuo il cambio ritmo decisivo per staccarsi dal gruppo perchè sa bene che non potrà giocarsi l’oro nell’ultimo 100 metri , e cosi purtroppo è stato. Il tedesco ha preso la testa della gara ai 1.400 metri e diventa il primo atleta al mondo capace di vincere la prova olimpica della 10 chilometri in acque libere e i 1500 in vasca (14.36.54), bronzo per Romanchuk (14.37.63), ,l’azzurro è medaglia di bronzo (14.38.75). Domenico Acerenza chiude la prova con una buona sesta posizione , per lui un gran bel mondiale e tanta esperienza utile per la stagione olimpica.

Podio 1500 stile libero uomini

Greg ai microfoni di Raisport

Per Paltrinieri non finisce assolutamente il dominio dei 1500 stile libero mondiale, si interrompe solamente.

“Non era il tempo che speravo. Ho provato ad andare via durante la gara, ma non ci sono riuscito ed arrivare allo sprint con Wellbrock e Romanchuk non è auspicabile. Magari negli 800 hanno fatto una brutta prestazione, ma sapevo che sarebbero stati avversari estremamente temibili”

Gregorio Paltrinieri lamenta la lunghezza del suo mondiale e lo fa con senso di causa. Dal 14 al 16 luglio l’azzurro ha nuotato quasi 16 chilometri di gare nel corso di dodici lunghe ed intense giornate, è  l’atleta che ha nuotato più metri di tutti nella rassegna iridata di Gwangju.  Queste tutte le sue prove: 10 chilometri, 1,250 metri della staffetta 5 chilometri, 800 metri (Batterie), 800 metri (Finale), 1500 metri (Batterie)+ 1500 metri (Finale). Sicuramente Paltrinieri e il suo staff faranno delle considerazioni in vista dei Giochi olimpici il cui format prevede però prima lo svolgimento nel nuoto in vasca e poi la prova della 10 chilometri in acque libere, non è prevista la gara a staffetta.

Un errore tecnico in partenza non ha permesso al russo Alexander Kolesnikov di vincere la finale dei 50 dorso, pare gli sia scivolato un piede in partenza, ad ogni modo rientra  straordinariamente in gara per il bronzo iridato (24.51). Vince a sorpresa; anche sua, il sudafricano  Zane Waddel (24.43), argento all’altro russo in gara,  Evgeny Rylov secondo in 24.49 e bronzo come dicevamo al connazionale Alexander Kolesnikov (24.51).

Podio 50 dorso uomini

50 stile libero donne. Ancora Manuel. Nello sprint femminile come previsto è stata una sfida all’ultima bracciata: una devastante Simone Manuel si prende l’oro mondiale negli ultimi 5 metri di gara (24.05), bissa il titolo iridato sulla doppia distanza beffando per la seconda volta e per soli 2/100esimi la svedese Sarah Sjostrom, oggi d’argento in 24.07, bronzo all’australiana Cate Campbell in 24.11. L’americana è la sesta donna nella storia a fare doppietta iridata nei 50 e 100 stile libero.

Podio 50 stile libero donne

Nei 400 misti Daya Seto cerca la doppietta 200 e 400. Il piccolo e compatto giapponese si porta subito al comando, ma nell’ultima vasca deve resistere all’attacco dello statunitense Lutherland risalito nella frazione a stile libero. Seto riesce comunque a laurearsi Campione del mondo in 4:08.95, secondo Lutherland in 4:09.22, terzo il neozelandese Lewis Clareburt 4:12.07. Nella stessa prova al femminile lady Katinka Hosszu resiste agli attacchi della giapponese Yuki Oashi e nella frazione a stile libero si porta al comando fino a prendersi l’oro mondiale nei suoi 400 misti (4.30.39). Come Seto anche per lei doppietta 200 e 400. Seconda piazza per la ritrovata cinese Ye Shiwen in 4:32.07 , la campionessa olimpica di Pechino 2008 supera la Oashi che chiude in 4.32.33.

Podio 400 misti uomini

Podio 400 misti donne

Finale staffetta mista maschile con Caleb Dressel che riporta gli Stati Uniti in lotta per l’oro, per il fuoriclasse americano sarebbe il settimo titolo mondiale di questa rassegna. La nazionale a stelle e strisce però viene recuperata da uno scatenato Duncan Scott che con una quarta frazione spaventosa (46.14) porta al successo la Gran Bretagna in 3.28.10. Secondi gli Stati Uniti in 3:28.45. Terza la Russia in 3:28.81. La medesima prova al femminile si apre con il record del mondo nei 100 dorso della 17enne Regan Smith che lo strappa alla connazionale Kathleen Baker. Secondo record iridato per il nuovo fenomeno statunitense. La nazionale americana vince in 3:50.40, nuovo record del mondo, seconda l’Australia 3:53.42 , terzo il Canada in 3:53.58. L’Italia chiude con un lusinghiero quarto posto con 3:56.50, che corrisponde all’ennesimo record italiano (19) e alla sesta medaglia di legno. Questo il nostro quartetto Margherita Panziera (59.77), Martina Carraro (1.06.87), Elena Di Liddo (57.33) e Federica Pellegrini che chiude il mondiale con il suo personal best in staffetta (52.33).

Podio staffetta 4×100 mista uomini. Oro Gran Bretagna

Podio staffetta 4×100 mista uomini. Oro Stati Uniti


2 WR USA – Regan Smith e 4×100 mista Stati Uniti

Il nostro quartetto 4×100 mista femminile

Il mondiale più bello di sempre.

CLOSED.

 

RECAP:  DAY 1DAY 2DAY 3DAY 4DAY 5 – DAY 6DAY 7 – DAY 8

FINALI dalle 13:00 (ora italiana) – STARLIST – RISULTATI TIMING

  • F 50 DORSO M:
    • 1) Zane WADDELL (RSA) 24.43
    • 2) Evgeny RYLOV (RUS) 24.49
    • 3) Kliment KOLESNIKOV (RUS) 24.51
  • F 50 RANA F:
    • 1) Lilly KING (USA) 29.84
    • 2) Benedetta PILATO (ITA) 30.00
    • 3) Yuliya EFIMOVA (RUS) 30.15
    • 5) Martina CARRARO (ITA) 30.49
  • F 1500 STILE LIBERO M:
    • 1) Florian WELLBROK (GER) 14.36.54
    • 2) Mykhailo ROMANCHUK (UKR) 14.37.63
    • 3) Gregorio PALTRINIERI (ITA) 14.38.75
    • 6) Domenico ACERENZA (ITA) 14.52.05
  • F 50 STILE LIBERO F:
    • 1) Simone MANUEL (USA) 24.05
    • 2) Sarah SJOESTROEM (SWE) 24.07
    • 3) Cate CAMPBELL (AUS) 24.11
  • F 400 MISTI M:
    • 1) Daya SETO (JPN) 4.08.95
    • 2) Jay LITHERLAND (USA) 4.09.22
    • 3) Lewis CLAREBURT (AUS) 4.12.07
  • F 400 MISTI F:
    • 1) Katinka HOSSZU (HUN) 4.30.39
    • 2) Shiwen YE (CHN) 4.32.07
    • 3) Yui OHASHI (JPN) 4.32.33
  • F 4X100 MISTA M:
    • 1) GRAN BRETAGNA 3.28.10 ER
    • 2) STATI UNITI 3.28.45
    • 3) RUSSIA 3.28.81
  • F 4X100 MISTA F:
    • 1) STATI UNITI 3.50.40 WR
      • Regan SMITH 57.57 WR
    • 2) AUSTRALIA 3.53.42
    • 3) CANADA 3.53.58
    • 4) ITALIA 3.56.50 RI
      • PANZIERA 59.77
      • CARRARO 1.06.87
      • DI LIDDO 57.33
      • PELLEGRINI 52.53

F= FINALE, SF= Semifinale, B= Batterie, Q= Qualificato R=Riserva

Sintesi

MEDAGLIE

ORO (3)

  • 200 stile libero – Federica PELLEGRINI
  • 800 stile libero – Gregorio PALTRINIERI
  • 400 stile libero – Simona QUADARELLA

ARGENTO (2)

  • 50 rana  – Benedetta PILATO
  • 800 stile libero – Simona QUADARELLA

BRONZO (3)

  • 1500 stile libero – Gregorio PALTRINIERI
  • 100 rana – Marina CARRARO
  • 400 stile libero – Gabriele DETTI

LEGNO (6)

  • 4X100 mista femminile
  • 200 dorso – Margherita PANZIERA
  • 200 farfalla – Federico BURDISSO
  • 100 farfalla – Elena DI LIDDO
  • 4X100 stile libero maschile
  • 4X200 stile libero maschile

PRIMATI ITALIANI (19)

  • 4×100 mista donne – ITALIA 3.56.50(F)
    • PANZIERA 59.77
    • CARRARO 1.06.87
    • DI LIDDO 57.33
    • PELLEGRINI 52.53
  • 800 stile libero- Simona QUADARELLA 8:14.99 (F)
  • 50 rana – Benedetta PILATO 29.98  (B)
  • ITALIA 7:02.01
    • Filippo MEGLI 1:45.86
    • Gabriele  DETTI 1:45.30
    • Stefano BALLO 1:45.27
    • Stefano DI COLA 1:45.58
  • 4×100 mista mixed – ITALIA 3:43.27 (F)
    • SABBIONI 53.50
    • SCOZZOLI 59.70
    • DI LIDDO 57.31
    • PELLEGRINI 52.76
  • 200 farfalla- Federico BURDISSO  1:54.39 (F)
  • 800 stile libero – Gregorio PALTRINIERI 7:39.27  (F)
  • 4×100 mista mixed – ITALIA 3.44.38 (B)
    • PANZIERA 1.00.17
    • MARTINENGHI 59.50
    • DI LIDDO 56.83
    • FRIGO 47.86
  • 100 rana- Martina CARRARO 1:06.36 (F)
  • 50 rana- Fabio SCOZZOLI  26.70 (SF)
  • 1500 stile libero- Simona QUADARELLA 15:40.89 (F)
  • 200 stile libero  – Filippo MEGLI 1:45.67 (F)
  • 100 rana  – Arianna CASTIGLIONI 1:06.39 (SF)
  • 200 stile libero  – Filippo MEGLI 1:45.76 (SF)
  • 100 rana  – Martina CARRARO 1:06.39  (SF)
  • 100 farfalla- Elena DI LIDDO 57.04 (SF)
  • 400 stile libero – Gabriele DETTI 3:43.23 (F)
  • 100 farfalla – Elena DI LIDDO 57.18 (B)
  • 4×100 stile libero –  ITALIA 3.11.39 (F)
    • CONDORELLI 48.72
    • FRIGO 47.29
    • DOTTO 47.81
    • MIRESSI 47.57

PRIMATI MONDIALI (10)

  • 100 dorso donne – Regan SMITH 57.57 (1° frazione staffetta) (F)
  • 4×100 mista F – STATI UNITI 3.50.40 (F)
  • 4X100 stile mixed – STATI UNITI 3.19.40 (F)
  • 200 rana – Antov CHUPKOV (RUS) 2.06.12 (F)
  • 200 dorso- Regan SMITH (USA) 2:03.35 (SF)
  • 100 farfalla- Caleb DRESSEL (USA) 49.50 (SF)
  • 4×200 stile libero femminile – AUSTRALIA 7:41.50 (F)
  • 200 rana – Matthew WILSON (AUS) 2.06.67 (SF) =
  • 200 farfalla- Kristof MILAK (HUN) 1:50.73 (F)
  • 100 rana- Adam PEATY (GBR) 56.88 (SF)

PRIMATI EUROPEI (4)

  • 4×100 mista  – GRAN BRETAGNA 3.28.10 (F)
  • 100 rana- Adam PEATY (GBR) 56.88 (SF)
  • 200 farfalla- Kristof MILAK (HUN) 1:50.73 (F)
  • 800 stile libero – Gregorio PALTRINIERI 7:39.27  (F)

PRIMATI MONDIALI GIOVANILI (4)

  • 100 dorso donne – Regan SMITH 57.57 (1° frazione staffetta) (F)
  • 200 dorso donne – Regan SMITH (USA) 2.03.35 (SF)
  • 200 dorso donne – Regan SMITH (USA) 2.06.01 (B)
  • 200 stile libero . Yang Junxuan (CHN) 1.55.99 (SF)

PRIMATI ITALIANI DI CATEGORIA (3)

  • 50 Rana – Benedetta PILATO 29.98  (B) – R/J/C
  • 200 farfalla- Federico BURDISSO  1:54.39 (F) – Cadetti
  • 400 stile libero – Marco DE TULLIO 3.44.86 (F) – Cadetti

PRIMATI EUROPEI GIOVANILI (2)

  • 50 Rana – Benedetta PILATO 29.98  (B) – R/J/C
  • 400 stile libero – Marco DE TULLIO 3.44.86 (F) – Cadetti

FINALI (23)

  • 4×100 mista femminile
    • PANZIERA 59.77
    • CARRARO 1.06.87
    • DI LIDDO 57.33
    • PELLEGRINI 52.53
  • Benedetta PILATO – 50 rana
  • Martina CARRARO – 50 rana
  • 4X100 Mixed stile libero
    • FRIGO 48.80
    • MIRESSI 48.27
    • BIANCHI 54.81
    • PELLEGRINI 53.70
  • Gregorio PALTRINIERI – 1500 Stile libero uomini
  • Domenico ACERENZA – 1500 Stile libero uomini
  • Margherita PANZIERA – 200 dorso
  • Simona QUADARELLA – 800 stile libero
  • 4×200 stile libero maschile
    • Filippo MEGLI 1:45.86
    • Gabriele  DETTI 1:45.30
    • Stefano BALLO 1:45.27
    • Stefano DI COLA 1:45.58
  • 4X100 mista mixed
    • Simone SABBIONI 53.50
    • Fabio SCOZZOLI 59.70
    • Elena DI LIDDO 57.31
    • Federica PELLEGRINI 52.76
  • Federico BURDISSO – 200 farfalla
  • Federica PELLEGRINI- 200 stile libero
  • Fabio SCOZZOLI- 50 rana
  • Gregorio PALTRINIERI – 800 stile libero
  • Gabriele DETTI – 800 stile libero
  • Arianna CASTIGLIONI- 100 rana
  • Filippo MEGLI – 200 stile libero
  • Martina CARRARO – 100 rana
  • Simona QUADARELLA – 1500 stile libero
  • Elena DI LIDDO  – 100 farfalla
  • Gabriele DETTI – 400 stile libero
  • Marco DE TULLIO- 400 stile libero
  • 4X100 stile libero maschile
    • CONDORELLI 48.72
    • FRIGO 47.29
    • DOTTO 47.81
    • MIRESSI 47.57

 


Recap batterie giorno 8

Ottavo ed ultimo giorno di gare all’Aquatic Center di Gwangju. 8 azzurri in finale nel pomeriggio.

La nostra 4X100 mista femminile si è qualificata per la finale di questo pomeriggio con il terzo tempo utile (3.58.35) . Margherita Panziera (1.00.56), Arianna Castiglioni (1.06.68), Ilaria Bianchi (57.54) e Federica Pellegrini (53.57). Davanti a noi nelle qualifiche Stati Uniti (3.55.39) e Australia (3.58.19),

Restano invece fuori dalla finale gli azzurri della mista maschile con Simone Sabbioni (54.82), Nicolò Martinenghi (59.48), Federico Burdisso (52.10) e Manuel Frigo (48.83), per noi il tredicesimo tempo (3.35.23). Russia in testa alla classifica provvisoria delle batterie (3.30.72).

Fuori dalle finale anche Ilaria Cusinato che chiude il suo mondiale con il sedicesimo tempo delle batterie 400 misti, per lei  4.43.27, Miglior tempo delle qualifiche per Katinka Hosszu (4.35.40). Nella medesima prova al maschile il migliore è il giapponese Seto che copre la distanza in 4.12.27.

Pomeriggio di sole finali, inizio gare alle 13.00 ora italiana.

 

GIORNO 8 – Domenica 28 luglio

Batterie –  RISULTATI 

  • 400 misti M – nessun italiano iscritto
  • 400 misti F – 16) Cusinato 4.43.27
  • 4×100 mista M – 13) Italia 3.35.23:
          • Sabbioni 54.82
          • Martinenghi 59.48
          • Burdisso 52.10
          • Frigo 48.83
  • 4×100 mista F – 3) Italia 3.58.35 Q:
          • Panziera 1.00.56
          • Castiglioni 1.06.68
          • Bianchi 57.54
          • Pellegrini 53.57

Proponiamo una serie di riferimenti utili per seguire al meglio la 18esima edizione dei Campionati del Mondo di nuoto di Gwangju dal web e dalla tv. Segue il programma gare giorno per giorno con i nostri in gara.

RIFERIMENTI

Per chi non riuscisse a seguire il mondiale  tramite il web e/o i social ecco il nostro canale Telegram.

Photo © Andrea Staccioli / Andrea Masini / Giorgio Scala / Deepbluemedia / Insidefoto

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Zazzart: completata la sua opera!

Zazzart: completata la sua opera!

Definirlo un disegno è probabilmente, anzi, sicuramente riduttivo. Anche il termine ritratto sarebbe improprio. Opera d'arte? Capolavoro? Assolutamente sì! Sì, ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu