“Non nuotiamo per colpa dei capelli”

Alice Dearing (nella foto), nuotatrice open water, attualmente unica atleta black della nazionale UK, racconta alla BBC uno dei principali crucci delle nuotatrici di colore. “Può sembrare ridicolo, ma i danni che il cloro arreca ai capelli, e in particolare a quelli sottili delle capigliature afro, rappresentano un grande disincentivo alla pratica del nuoto”.

L’ipoclorito di sodio, il più comune disinfettante utilizzato nelle piscine pubbliche comunemente noto come varechina, può risultare effettivamente dannoso per la struttura dei capelli, che vanno accuratamente lavati e idratati dopo ogni allenamento.

Un altro inaspettato e interessante tassello che ci racconta il difficile rapporto della popolazione nera con il nuoto. Ne avevamo già parlato in questo articolo.

Leggi l’intervista completa alla BBC

Ph. ©A.Masini/Deepbluemedia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Paralimpiadi e inclusione: una riflessione di e con Pio D'Emilia

Paralimpiadi e inclusione: una riflessio...

di Pio D’Emilia e Silvia Scapol Si sono concluse le Paralimpiadi del nuoto: i nostri azzurri sono stati a dir ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu