Inclusione o ghettizzazione?

Un po’ ovunque si moltiplicano le piscine che prevedono spazi e orari separati per bagnanti donne. In Australia hanno fatto un ulteriore passo avanti (o indietro, a seconda dei punti di vista): dallo scorso 5 ottobre presso la Canberra Olympic Pool (nella foto tratta dalla pagina Facebook) sono previsti spazi riservati per sole donne (sabato mattina dalle 5.30 alle 7.00) e soli uomini (domenica mattina, stesso orario) con l’obiettivo, dichiarano i responsabili della struttura di proprietà statale, di “favorire la frequenza da parte di tutte le comunità di cittadini e di abbattere qualsiasi barriera all’accesso delle piscine pubbliche”.

L’iniziativa è salutata positivamente dalla comunità musulmana di Canberra, il cui portavoce Mainul Haque spiega al quotidiano locale Canberra Times come questo accorgimento porterà molte più donne in piscina.”L’obiettivo principale è mantenere la nostra comunità in salute e favorire la pratica sportiva. Come si ottiene questo risultato? In primis mettendo ciascuno a proprio agio”.

Interessante osservare che l’impianto è gestito dalla locale YMCA (Associazione dei giovani cristiani).

Il tema rimane spinoso, ma è certamente positivo che le questioni di genere e di inclusione inizino a trovare spazio anche nel dibattito legato alla pratica sportiva.

Leggi l’informativa sul sito di Canberra Olympic Pool

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Paralimpiadi e inclusione: una riflessione di e con Pio D'Emilia

Paralimpiadi e inclusione: una riflessio...

di Pio D’Emilia e Silvia Scapol Si sono concluse le Paralimpiadi del nuoto: i nostri azzurri sono stati a dir ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu