Le cure per il Parkinson peggiorano le abilità natatorie

Dei ricercatori dell’università di Zurigo hanno scoperto che pazienti ai quali è stato impiantato uno stimolatore cerebrale per il trattamento del morbo di Parkinson hanno perso le loro abilità natatorie. Lo studio, intitolato Paura dell’acqua dopo stimolazione cerebrale subtalamica profonda, è stato pubblicato sull’ultimo numero della rivista Neurology.

Lo studio ha riguardato un gruppo di nove pazienti, tutti buoni nuotatori prima di sottoporsi all’intervento. Dopo la stimolazione cerebrale profonda hanno migliorato la motricità generale ma sembrano aver perso le proprie abilità natatorie.

“In attesa di ulteriori ricerche” commenta uno degli autori Daniel Waldvogel, “è importante che i pazienti che si sottopongono a questo tipo di trattamenti siano avvertiti di questo rischio e della necessità di verificare attentamente le loro capacità prima di tornare in acqua”.

Leggi l’articolo integrale [ENG – a pagamento]

Ph. ©Pexels.com

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Cesare Casella "La rana può sembrare complessa, ma tutto parte dal rispettare le caratteristiche di ogni ragazzo."

Cesare Casella “La rana può sembra...

Sono anni in cui vediamo una Nazionale assolutamente protagonista nella rana: uno stile complesso, amato e allo stesso tempo odiato ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu