Concorrenza sleale: nuove accuse da ISL a FINA

La International Swimming League ha aggiunto una citazione per concorrenza sleale all’azione legale già in essere contro la FINA presso la U.S. District Court for the Northern District of California.

La causa è stata intentata nel 2018 da parte di ISL e degli atleti Katinka Hosszu (HUN), Tom Shields e Michael Andrew (USA). Le nuove accuse derivano dalla scelta della FINA di allineare il proprio calendario e i premi in denaro al format ISL.

All’origine dell’azione legale una lettera del 5 giugno con la quale il direttore generale della FINA  Cornel Marculescu faceva pressioni su USA Swimming per interrompere i rapporti con la ISL e una serie di comportamenti che hanno compromesso la collaborazione fra ISL e altre federazioni internazionali, in particolare  con la Federazione Italiana Nuoto, che si vide costretta a cancellare Energy for Swim 2018, il test event previsto per novembre 2018 (a questo link la dettagliata ricostruzione di Giusy Cisale su SwimSwam Italia).

Leggi la notizia su Swimming World Magazine [ENG]

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE

Il sapore del benessere

Palazzo Broletto - Piazza della Vittoria 15, Pavia
25-10-21
  • CALENDARI E MEETING
Federico Turrini: continuerò a lavorare per l'Esercito e a fare l'allenatore. Mi sento pronto per questa nuova sfida.

Federico Turrini: continuerò a lavorare ...

Federico Turrini ha deciso di lasciare il nuoto, o meglio, di smettere di fare l’atleta. In realtà, per il campione ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu