Adam Peaty sul posticipo dei giochi: “Non è una sorpresa. Sono deluso ma è la decisione giusta”

Il campione britannico commenta a caldo la decisione di posticipare i Giochi al 2021. Un atteggiamento maturo e responsabile che evidenzia le priorità del momento. Il ranista, campione del mondo dei 100 e 200 rana, non nasconde la delusione di atleta ma evidenzia come sia un passo obbligato.

“Non credo che nessuno di noi sia sorpreso dopo l’annuncio che i Giochi Olimpici di Tokyo 2020 sono stati posticipati di un anno. È la decisione giusta e l’unica che potesse essere presa a questo punto. Come atleta, sono ovviamente estremamente deluso, ma questa situazione è più importante e più grande di me o di tutti gli atleti che avrebbero preso parte. Questa è una questione di vita o di morte e tutti dobbiamo fare la cosa giusta.

Ora so che posso concentrarmi sul qui e ora e, non appena ci sarà più sicurezza, continuerò il mio allenamento con l’obiettivo finale di rappresentare il mio paese ai Giochi olimpici. Accadrà e quando lo faremo saremo tutti più forti e saremo in grado di celebrare insieme quello che è uno straordinario evento mondiale.

Grazie a tutti coloro che mi hanno mostrato così tanto supporto e grazie a tutti quelli che sono all’esterno, che forniscono servizi essenziali e cure in un momento così difficile per tutti noi. Restate a casa e state al sicuro, siamo tutti nella stessa condizione”.

 

Foto 56th Settecolli Trophy In the photo: Adam Peaty GBR  Photographer: Gian Mattia D’Alberto / LaPresse, courtesy by arena

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Pio D'Emilia: non so se da un punto di vista sportivo questa edizione dei Giochi sarà memorabile, ma da un punto di vista sociale sarà ricordato come un evento davvero importante!

Pio D’Emilia: non so se da un punt...

Lo avevamo contattato prima dei Giochi, quando l'incertezza sembrava regnare su tutto, quando la popolazione giapponese manifestava il proprio timore ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu