Questioni di logo

Il Comitato organizzatore delle Olimpiadi di Tokyo ha denunciato la manipolazione dell’emblema dei Giochi, trasformato in virus e messo sulla copertina nel numero di aprile del magazine “Number 1 Shimbum” redatto dall’agenzia The Foreign Correspondent’s Club of Japan (FCCJ).

Forte il disappunto del Comitato Tokyo 2020 che ha chiesto fosse immediatamente eliminato, ma ad oggi risulta ancora disponibile nella versione on line della rivista (segue link), il loro portavoce Masa Takaya  ha dichiarato “È molto avvilente vedere l’emblema dei Giochi manipolato e associato al coronavirus, la consideriamo una violazione del nostro copyright legalmente protetto“.

L’illustrazione di copertina del magazine in oggetto è stata realizzata dal designer Andrew Pothecary, mentre il logo delle Olimpiadi, che si chiama Harmonized Checkered Emblem (Emblema armonizzato a scacchi), è stato realizzato dal designer Aso Tokolo.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Gianfranco Saini: "200 stile libero: ecco perché non sono d'accordo con Thorpe"

Gianfranco Saini: “200 stile liber...

"Tutto il mondo nuota male i 200 stile libero": una sentenza che in bocca ad altri suonerebbe arrogante, ma che ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu