Junya Koga aveva pensato al suicidio dopo la squalifica per doping

Il dorsista giapponese Junya Koga (32), campione del mondo dei 100 metri dorso ai mondiali di Roma nel 2009, ha dichiarato ai media del suo paese di aver pensato al suicidio a seguito della squalifica di quattro anni subita nel 2018 dopo essere risultato positivo ad un controllo antidoping, poi ridotta alla metà dal CAS di Losanna,  che ha riconosciuto e stabilito che la causa della positività fosse attribuibile al fatto che i supplementi energetici assunti fossero stati contaminati da sostanze vietate.

Seguono alcune dichiarazioni di Koga tratte dal quotidiano il Mundo Deportivo

In quel momento sentivo che non c’era futuro per me e che tutto si stava chiudendo. Poi l’idea del suicidio cominciò a passarmi per la testa, mi svegliavo e mi sedevo sul divano davanti alla televisione ed ho anche pensato che il balcone fosse proprio lì e che tutto sarebbe finito se avessi saltato.

Non potevo uscire perché tutti sapevano cosa era successo e avevo paura. Ho perso otto chili in una settimana perché non riuscivo a mangiare nulla. Non avevo nessuno con cui parlare. Vorrei che ci fosse un’organizzazione in grado di consigliare e supportare gli atleti che si trovano in una situazione come la mia.

Per circa un mese,  prima di risultare positivo, il mio programma nutrizionale includeva integratori creati da esperti che mi avevano consigliato di assumerli  al momento giusto. Ero certo che gli esperti scegliessero prodotti sicuri ”.

Non esiste un supplemento sicuro al 100%, esiste la possibilità che si verifichino contaminazioni durante il processo di fabbricazione. “

Koga, che ha già scontato la sospensione è pronto a cercare la qualificazione olimpica di Tokyo 202one.

Photo © Giorgio Scala/Deepbluemedia/Insidefoto

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Benedetta Pilato a #Nuotopuntolive: “Con un anno in più di preparazione per Tokyo, può succedere di tutto”

Benedetta Pilato a #Nuotopuntolive: “Con...

Benedetta Pilato va di fretta. D’altronde, quando scende in vasca, la quindicenne tarantina del Circolo Canottieri Aniene è abituata a ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu