Jacco Verhaeren passa la guida dei Dolphins a Rohan Taylor

Il tecnico olandese Jacco Verhaeren è tornato in Europa passando, come previsto, al collega Rohan Taylor il ruolo di capo allenatore di Swimming Australia dopo aver guidato i Dolphins per circa sette anni sotto la presidenza del neo-eletto John Bertrand (73) che pare a sua volta voler lasciare l’incarico istituzionale nel mese di ottobre in occasione dell’assemblea nazionale generale della federnuoto australiana.

Se non fosse stato per la pandemia Verhaeren se ne sarebbe andato dopo l’Olimpiade di Tokyo che avrebbe potuto regalargli il più grande risultato della carriera, l’obbiettivo prima del posticipo era di portare a termine il ciclo olimpico, ma quando l’emergenza sanitaria ha determinato lo slittamento dei Giochi al 2021 il tecnico olandese ha scelto la famiglia, queste le dichiarazioni rilasciate in quel periodo. “Ho cercato di trovare il modo per allungare il contratto, ma non è possibile scendere a compromessi in un ambiente di alte prestazioni e non volevo compromettere la mia famiglia. Sono certo che ci siamo molte brave persone in giro per garantire la continuità vincente del nuoto in questo paese e che la squadra sia pronta ad affrontare qualsiasi sfida. Sono onorato di avere avuto l’opportunità di servire questa incredibile squadra per quasi sette anni.

Fra i tanti meriti di Verhaeren alla guida dei Dolphins c’è anche quello di aver modificato i criteri di qualificazione per i grandi eventi internazionali, il tecnico ha portato in Australia un approccio di qualificazione innovativo sullo stile di Usa Swimming con Trials a poche settimane dal grande evento anziché ad un ciclo di preparazione dall’obbiettivo come accadeva in precedenza, questo accadde anche in occasione del mondiale di Gwangju del 2019 in cui gli australiani vinsero 19 medaglie contro le 26 degli Stati Uniti.

Seguono alcune dichiarazioni rilasciate oggi al quotidiano The Australian.

È giusto dire che quando ho iniziato a lavorare con Swimming Australia, nel gennaio del 2014, la fiducia tra il team e l’organizzazione era molto, molto bassa, ovviamente a causa delle cose che erano successe prima con le Olimpiadi di Londra … C’erano molte regole e molta politica. Il cambiamento più importante che abbiamo fatto è stato quello di evitare quelle regole e quella politica per relazionarci con il team in merito a valori e comportamenti. A volte è bene non far parte della storia perché si inizia da zero. Non fai parte della storia, ma non fai nemmeno parte dei problemi.”

“Sarebbe facile dire che mi mancherà il tempo, il paese, l’oceano. Personalmente amo l’oceano. Ma sono soprattutto le persone con cui ho lavorato e le amicizie che ho fatto che mancheranno. Speriamo che i confini si aprano presto e di poterci rivedere, ovunque nel mondo”.

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Iron Mark a Nuotopuntolive: oggi alle 18 la presentazione live su Facebook e Youtube

Iron Mark a Nuotopuntolive: oggi alle 18...

Appuntamento letterario questo pomeriggio sulle nostre pagine Facebook e Youtube. Nuotopuntocom è lieta di ospitare la prima presentazione ufficiale di ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu