La WPA fa pressioni sulla WADA

A seguito della pubblicazione della modifica al codice WADA 2021 dell’articolo 4.2.3. “Sostanze di Abuso”,  la WPA (World Players Association) ha chiesto all’agenzia mondiale antidoping di garantire a tutti gli atleti che stanno scontando sospensioni per questo motivo, di non essere sospesi “un giorno in più del dovuto“, ricordiamo che il “2021 World Anti-Doping Code” entrerà in vigore l’1 gennaio 2021.

La nuova regola identifica come “Sostanze di Abuso” quelle ad uso “ricreativ0” o abusate al di fuori del contesto sportivo e per le quali la nuova normativa antidoping prevederà una sospensione di tre mesi che potrà essere ridotta ad un mese qualora l’atleta completi un programma di riabilitazione dall’uso di tali sostanze, ma il tutto a condizione che si possa dimostrare che la sostanza è stata utilizzata fuori competizione e che non possa essere correlata alle prestazioni sportive.

Le sostanze in oggetto sono; cocaina, diamorfina (eroina), metilendiossimetamfetamina (MDMA / ecstasy) e tetraidrocannabinolo (THC).

La WPA che ha accolto con favore il cambiamento, ha sottolineato che diversi atleti che stanno scontando squalifiche per queste sostanze spesso soffrono di problemi di dipendenza. “Siamo lieti che WADA abbia finalmente deciso di gestire l’abuso di queste sostanze dal punto di vista della salute e del benessere“, ha dichiarato il direttore esecutivo della WPA Brendan Schwab che aggiunge “Ora è essenziale che nessun atleta sconti un giorno più di quanto previsto dalle nuove regole“.

 

 

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Iron Mark a Nuotopuntolive: oggi alle 18 la presentazione live su Facebook e Youtube

Iron Mark a Nuotopuntolive: oggi alle 18...

Appuntamento letterario questo pomeriggio sulle nostre pagine Facebook e Youtube. Nuotopuntocom è lieta di ospitare la prima presentazione ufficiale di ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu