Massimiliano Rosolino. Le mie sfide: da dentro l’acqua a bordo vasca.

Massimiliano Rosolino è stato nominato direttore responsabile dell’area nuoto del Circolo Antico Tiro a Volo di Roma. Abbiamo colto l’occasione, non solo di congratularci con lui, ma anche di parlare di progetti sportivi, scuola nuoto e ruolo e valore del tecnico che lavora a bordo vasca.

Responsabile dell’area nuoto del Circolo Antico Tiro a Volo: una sfida importante in un momento veramente delicato. Che valori deve contenere un buon progetto sportivo?
È da un po’ di tempo che lavoro come consulente negli impianti, per la precisione dal 2013. Mi sono appassionato a questo ruolo, prendendo sempre più confidenza con il settore; dirò di più: è il motivo per cui ho smesso di fare l’atleta. Sto seguendo per il terzo anno consecutivo un impianto a Cartito, in provincia di Napoli, poi ho fatto consulenza in un’altra struttura ad Albano Laziale per quattro anni e ora finalmente un posto vicino casa. Il contesto è differente, si tratta di un circolo, ed è una realtà che ha voglia di rilanciare lo sport, e lo vuole fare con una campagna molto interessante dal titolo “Lo sport parte da Roma”. Sono molto legato al contesto dei circoli sportivi, perché io ho passato la maggior parte della mia carriera in una struttura così: il Circolo Canottieri Napoli. Credo che attualmente i circoli e le grosse strutture federali possano davvero fare la differenza in questo momento così particolare: possono incoraggiare il settore ed essere trainanti per le realtà più piccole. Il mio intento è quello di incentivare le persone a tornare in piscina, incentivare la pratica sportiva partendo dalla base, quindi dalla scuola nuoto e dare quel supporto sulla comunicazione, sull’affidabilità e sulla concretezza. In questo momento bisogna puntare alla qualità. Il Circolo Antico Tiro a Volo di questa qualità ne ha parecchia: rappresenta un po’ i cavalieri dello sport. Credo sia arrivato il momento di sostenerci, tra colleghi, e non bisogna avere paura degli scogli. Gli ingredienti fondamentali per un buon progetto sportivo credo siano: una buona conoscenza della materia, personale competente e molta, molta euforia. Il senso di appartenenza va bene, ma bisogna essere anche molto motivati. Sembrano parole scontate, ma in realtà non lo sono. Non esiste una scuola nuoto uguale all’altra: bisogna capire le esigenze e le potenzialità della struttura e da lì iniziare il lavoro. Un altro elemento fondamentale è la fiducia e quella la si deve conquistare. La fiducia dei genitori che affidano i propri bambini o ragazzi ad una struttura per la pratica sportiva è fondamentale e non scontata. Inoltre, è importante consolidare il rapporto: uno dei risultati più belli che si possano avere è quello di ritrovarsi gli stessi ragazzi in vasca per anni e anni. Averli visti entrare da piccoli e vederli ancora lì che nuotano anche da grandi. Indipendentemente dai risultati sportivi. Significa che gli è stata trasmessa una passione, che gli è stato trasmesso il piacere di praticare sport: e questa è una grande vittoria. E poi bisogna cercare costantemente il confronto tra colleghi: molto spesso si evita perché si teme il giudizio, ma è un errore. Il confronto fa crescere, sempre.

Squadra Italia Nuoto 2019, Team Italy Swimming 2019 Gwangju
Massimiliano Rosolino
Gwangju South Korea 28/07/2019
Swimming
18th FINA World Aquatics Championships
Nambu University Aquatics Center
Photo © Giorgio Scala / Deepbluemedia / Insidefoto

 

Il movimento sportivo del nuoto necessità di una base solida, senza la quale non avremmo neanche l’attività di alto livello. In che modo una scuola nuoto federale può a essere incisiva e determinante per indirizzare alla pratica sportiva anche i più “pigri”?
Le Scuole Nuoto Federali sono davvero sinonimo di qualità, gli standard sono elevati e per l’utente che frequenta questo è un elemento che dà tranquillità: ha la serenità di entrare in una struttura che risponde a delle caratteristiche ben precise richieste non da chiunque, ma dalla Federazione Italiana Nuoto. Per avviare alla pratica sportiva anche i più pigri, un impianto, che può vantare il titolo di Scuola Nuoto Federale, sicuramente fa più presa di un impianto non affiliato.

La Federazione Italiana Nuoto attraverso il Settore Istruzione Tecnica, ha investito molto nella formazione dei propri tecnici. Quanto può incidere, sia in modo positivo che negativo, un istruttore di nuoto nella diffusione della disciplina sportiva?
L’istruttore di base è colui che ti insegnerà l’alfabeto, pertanto la sua rilevanza è notevole. Può capitare di non trovarsi bene con un istruttore e i motivi sono tra i più vari, a volte anche semplicemente l’acqua fredda può rovinare una bella lezione. Ma il ruolo che riveste l’istruttore ha un’importanza incredibile: molto spesso ci si gioca tutto lì. Il futuro campione e l’utente che non lascerà mai la struttura hanno sicuramente avuto nel loro percorso dei validi istruttori di base. Ma la cosa vale anche in senso negativo: gli istruttori che non lavorano con passione e con dedizione, e fortunatamente sono solo una piccola fetta, portano all’allontanamento dalla disciplina sportiva e nel peggiore dei casi dallo sport in generale. Spesso sono figure sottovalutate quelle degli istruttori, e invece stanno alla base di tutto il sistema e lo sostengono.

Cosa ti aspetti da un istruttore di nuoto e quali sono secondo te le caratteristiche personali che possono fare la differenza nella buona riuscita del proprio operato?
Molti istruttori a volte sono troppo teorici e molti altri sono in alcuni casi troppo pratici: chi è stato nuotatore pensa di sapere tutto, mentre chi non lo è stato, a volte è esageratamente saccente nella teoria. Le caratteristiche sono quelle di essere solare, euforico e disponibile, disponibile a crescere, a mettersi in discussione. È importante che l’istruttore sappia farsi rispettare, sappia farsi ascoltare e sappia far divertire. Questi sono gli ingredienti fondamentali per incentivare lo sport. L’istruttore deve farsi sempre sentire, ma intendo in maniera affettiva, con continui incoraggiamenti, è fondamentale far sentire che ci siamo. Questo è ciò che serve a chi sta dentro l’acqua. E queste sono le qualità personali che secondo me caratterizzano un buon istruttore. La competenza tecnica dobbiamo considerarla già parte integrante del buon istruttore. Non possiamo farlo questo lavoro se non ci sono le conoscenze, se non si padroneggia la materia.

ROSOLINO Massimiliano ITA
Day 01 23-06-2017
Stadio del Nuoto, Foro Italico, Roma
FIN 54mo Trofeo Sette Colli 2017 Internazionali d’Italia
Photo Andrea Masini/Deepbluemedia/Insidefoto

A volte possiamo trovare dei tecnici particolarmente attenti alla pratica sportiva, focalizzati prevalentemente sulla prestazione, ma che tralasciano l’aspetto più umano dello sport. E a volte abbiamo a bordo vasca l’esatto opposto, istruttori molto attenti all’aspetto umano ma poco focalizzati sull’insegnare una pratica sportiva che si basa su regole precise. Personalmente ritengo siano indispensabili entrambe le cose. Qual è, secondo te, il giusto mix?
Sono d’accordo: servono entrambe le cose. A volte può rivelarsi più utile essere meno preparati ma riuscire a trasmettere la voglia di fare la vasca in più, di allungare meglio il braccio, di migliorarsi. Essere più bravo non significa essere più preparato: dalla conoscenza della materia non si può prescindere, altrimenti non si va da nessuna parte. Ma poi non basta. Serve quel qualcosa in più. È qui ci può essere di aiuto il tirocinio, l’affiancamento che un istruttore deve fare prima di cominciare a stare a bordo vasca. Si cerca di imparare da quelli più carismatici, più empatici, più affettivi. Servono entrambe le cose: la competenza tecnica e la competenza relazionale. Ci inventiamo un sacco di campagne a livello mediatico per rilanciare lo sport e ci dimentichiamo spesso che lo slogan migliore è quello di fare bene il proprio lavoro. Il passaparola a volte è il mezzo pubblicitario più efficace.

Mai come quest’anno abbiamo sentito e compreso l’importanza dello sport e dell’esercizio fisico in generale per il benessere e la salute delle persone. Nel ruolo di papà e di organizzatore sportivo, quanto è importante lo sport per i giovani?
Non mollare! Questo è il messaggio più importante da dare ai giovani. Per i giovani lo sport è fondamentale, sicuramente per l’aspetto salutistico, ma anche perché è una scuola di vita. Poche cose ti insegnano cos’è il sacrificio come lo sport. Spesso c’è la scusante dello studio, ma lo sport non esclude la scuola o viceversa, anzi! Se non riesci a conciliare scuola e sport significa che nella vita non avrai mai la forza di mettere insieme due cose. Lo sport è vita, il sistema di regole che lo caratterizza diventa una palestra anche scolastica: devi imparare a focalizzare l’obiettivo, devi organizzare il tuo tempo. Io do per scontato che i genitori la pensino come me, e cioè che lo sport non esclude lo studio, ma ovviamente non è così. Sento però di poter dire la mia perché ritengo di avere una buona formazione, ho fatto esperienza sul campo, ho l’umiltà di confrontarmi e se sbaglio mi piace la parola “scusa”, ma soprattutto le mie armi vincenti sono le mie bambine. Il fatto di essere un genitore mi permette di avere una visione più ampia e il loro modo di vivere lo sport supporta le mie teorie. È troppo facile dire “Sì, ma tu eri un campione”. Io ho fatto quello che ho fatto, ma le mie bimbe no. E se loro riescono ad organizzarsi significa che il sistema funziona, non Massimiliano, ma il sistema! Lo sport è vita, mettiamocelo in testa! E prima interiorizziamo e applichiamo questo concetto e prima cominceremo a beneficiarne.

Attualmente la situazione è ancora molto incerta: contagi che salgono e che scendono e la paura di un nuovo lockdown. Cosa potrebbe significare un nuovo stop per il nuoto e per lo sport in generale?
Non voglio neanche pensare ad un nuovo lockdown, non lo metto neanche in preventivo, sarebbe devastante. Rischiamo di non rialzare più la testa. Non voglio fasciarmi la testa prima di romperla. Dobbiamo insistere nel fare promozione: se ci pensiamo l’attivià sportiva in epoca Covid è una delle cose più controllate, il nuoto poi in particolar modo. Mi auguro che non accada nuovamente ciò che è stato la scorsa primavera. Sarebbe una ferita troppo profonda a tutto il sistema.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Iron Mark a Nuotopuntolive: oggi alle 18 la presentazione live su Facebook e Youtube

Iron Mark a Nuotopuntolive: oggi alle 18...

Appuntamento letterario questo pomeriggio sulle nostre pagine Facebook e Youtube. Nuotopuntocom è lieta di ospitare la prima presentazione ufficiale di ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu