Missy Franklin, la spalla e la campagna per il nuoto salvavita

La 25enne ex stella del nuoto a stelle e strisce, MelissaMissy” Franklin, vincitrice di cinque titoli olimpici ritiratasi dalle competizioni nel dicembre del 2018 a soli 23 anni, ha dichiarato al magazine People di avere difficoltà a praticare lo sport che l’ha resa popolare per via di un problema alla spalla sorto proprio sulla strada dei Giochi di Rio 2016 e mai risolto,  una lesione che non le ha più permesso di recuperare la brillantezza e la forma di un tempo, da qui, due anni fa, la scelta del ritiro.

A quanto pare il problema per la nuotatrice persiste tutt’oggi anche per nuotare solo 20-30 minuti per il semplice piacere di farlo, le sue dichiarazioni non lasciano alcun dubbio in merito ad una ipotesi di un suo possibile ritorno alle gare .

Assolutamente no … Le mie spalle mi fanno così male che posso nuotare solo per 20-30 minuti … Non ho fatto il secondo intervento chirurgico alla spalla di cui avevo bisogno e non credo – a questo punto della mia vita – che tornare in acqua sia la cosa migliore per la mia salute fisica e mentale … Penso di aver dato allo sport tutto quello che potevo, adesso posso fare qualcosa di buono fuori dalla piscina“.

In qualità di ambasciatrice di USA Swimming Foundation, la Franklin insieme ad altri nuotatori olimpici, Elizabeth Beisel, Cullen Jones e Rowdy Gaines, sta lavorando a sostegno di una campagna di sensibilizzazione nazionale sulla sicurezza in piscina denominata “Saving Lives Is Always in Season“, che vuole sensibilizzare sull’importanza di tenere le piscine aperte tutto l’anno e non solo nel periodo estivo per consentire l’insegnamento del nuoto e conseguentemente aumentare la sicurezza in acqua dei giovanissimi.

Non vogliamo che i genitori debbano aspettare fino alla prossima primavera o alla prossima estate per portare i loro figli in piscina … Il nuoto è un’abilità salvavita, è importante che ogni bambino sappia nuotare“.

 

Garantire ai bambini le lezioni di nuoto non può limitarsi solo al periodo estivo. le lezioni di nuoto insegnano abilità salvavita essenziali, dovrebbero essere disponibili tutto l’anno ” ha affermato Rowdy Gaines, tre volte medaglia d’oro olimpica e direttore del Community Engagement presso USA Swimming. “Questi programmi aiutano a mantenere i bambini al sicuro in acqua, è dimostrato che insegnare a un bambino a nuotare può ridurre il rischio di annegamento dell’88%. USA Swimming intende coinvolgere i genitori ed i responsabili politici di tutta la nazione in questa importante campagna sulla sicurezza in acqua.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Sport e sostenibilità: Giorgio Scala intervista Sara Franzini Gabrielli

Sport e sostenibilità: Giorgio Scala int...

Anche se la pandemia di Covid lo ha negli ultimi mesi fatto passare in secondo piano, il tema della sostenibilità ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu