Zero contagi in piscina, i dati del New Jersey

La New Jersey Swim Safety Alliance, un’associazione di scuole nuoto, ha pubblicato uno studio sul numero di incidenti e possibili diffusioni di Covid-19 nelle piscine coperte dello stato USA, dove gli impianti hanno riaperto il 2 luglio.

NJSSA ha monitorato 60 piscine, per un totale di 327.316 ingressi e zero casi di infezioni. I motivi, secondo i rappresentanti dell’associazione, sono:

  • Protocolli di sicurezza estremamente rigorosi, più di quanto richiesto dalle disposizioni delle autorità statali, che prevedono tra l’altro: obbligo di mascherina o visiera per istruttori e allenatori, ingressi e utilizzo degli spazi acqua limitati e su prenotazione
  • Caratteristiche ambientali: i dirigenti dell’associazione ipotizzano che la concentrazione di cloro nell’acqua e nell’aria possa neutralizzare il virus
  • Aspetti tecnici: a differenza di quanto accade in altri ambienti sportivi, gli atleti espirano sotto acqua senza disperdere droplets nell’ambiente

Corre l’obbligo di precisare che i dati presentati hanno valore meramente statistico e non sono stati raccolti con criteri di scientificità e che “la concentrazione di cloro nell’aria” che anche da qualche gestore nostrano è considerata una panacea può causare danni all’apparato respiratorio, tanto che la normativa italiana prevede la ventilazione costante negli spazi chiusi.

Leggi la notizia su Swimming world magazine [ENG]

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Luca Sacchi: mi allenerei con Nicolò Martinenghi e sfiderei Thomas Ceccon

Luca Sacchi: mi allenerei con Nicolò Mar...

Luca Sacchi è la voce per tutti coloro che il nuoto lo guardano dalla TV; insieme a Tommaso Mecarozzi, porta ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu