Shayna Jack, anche WADA ricorre in appello

Dopo Sport integrity Australia (SIA), anche l’Agenzia mondiale anrtidoping (WADA) ha presentato un ricorso contro la decisione del Corte per l’arbitrato sportivo (CAS) della squalifica di Shayna Jack a due anni contro i quattro inizialmente comminati.

La nuotatrice australiana era stata allontanata dai Mondiali di Gwangju e successivamente squalificata per la positività all’ormone anabolizzante ligandrol.

13° Meeting Squalo Blu

Serravalle (RSM)
26-04-24
Matteo Rivolta: "È una scelta coraggiosa, dolorosa ma necessaria, nel rispetto mio e di chi con me ha lavorato, sofferto, sognato."

Matteo Rivolta: “È una scelta coraggiosa...

Essere atleta è sicuramente difficile: l'allenamento, la prestazione, accettare la sconfitta e in caso di vittoria il peso di doversi ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative