Shayna Jack, anche WADA ricorre in appello

Dopo Sport integrity Australia (SIA), anche l’Agenzia mondiale anrtidoping (WADA) ha presentato un ricorso contro la decisione del Corte per l’arbitrato sportivo (CAS) della squalifica di Shayna Jack a due anni contro i quattro inizialmente comminati.

La nuotatrice australiana era stata allontanata dai Mondiali di Gwangju e successivamente squalificata per la positività all’ormone anabolizzante ligandrol.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Ivo Ferretti: 200 stile libero maschili, 1991 vs 2021

Ivo Ferretti: 200 stile libero maschili,...

Nei giorni scorsi abbiamo potuto rivivere in compagnia di Giorgio Lamberti il suo oro australiano nei 200 stile libero. Sentirlo ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu