Vito Cozzoli: “Un patto per salvare le Olimpiadi”. Ma il CONI non si fida

Questo è un momento drammatico, in cui è necessario un patto storico. Tra il governo, il CONI, il Comitato paralimpico, e noi di Sport e Salute. Lasciamo da parte gli egoismi, facciamo squadra per favorire la ripartenza del mondo sportivo e dare un futuro ai nostri giovani”.  Così Vito Cozzoli, presidente di Sport e Salute, dalle colonne di Repubblica ha chiesto uno sforzo a Governo e Coni per evitare di subire le sanzioni del CIO per le violazioni della carta olimpica e dunque essere costretti a presentarsi alle Olimpiadi di Tokyo 2020 senza bandiera subendo un’umiliazione senza precedenti. “Comprendo le preoccupazioni. Nei giorni scorsi ci siamo scritti col presidente Giovanni Malagò: lui vuole un’autonomia nel governare la struttura, l’organico. Sono richieste meritevoli di attenzione, peraltro già formulate nel 2019. Col suo consenso è stato costituito un ufficio legale riservato solo al Comitato olimpico. Il trasferimento di competenze e di personale al CONI è già cominciato. Si può risolvere il problema evitando un intervento legislativo, visto che il governo e il Parlamento sono presi da tante emergenze. Vogliamo sbloccare la situazione, anche per aiutare il dialogo tra il premier Giuseppe Conte e il presidente del CIO Thomas Bach”. 

Parole distensive, ma lo stesso quotidiano poche ore dopo riporta dichiarazioni di fonti interne dello stesso CONI: ”Le parole di Cozzoli sono la prova provata che non siamo autonomi. Per il CIO serve una legge, non patti con la SpA di Stato”.

Leggi l’articolo di Repubblica

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Ivo Ferretti: 200 stile libero maschili, 1991 vs 2021

Ivo Ferretti: 200 stile libero maschili,...

Nei giorni scorsi abbiamo potuto rivivere in compagnia di Giorgio Lamberti il suo oro australiano nei 200 stile libero. Sentirlo ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu