Manaudou a Marsiglia con Julien Jacquier per conquistare un nuovo titolo olimpico

Dopo la pausa natalizia il campione olimpico dei 50 metri stile libero di Londra 2012 riparte con convinzione per l’appuntamento olimpico. Dopo una preparazione divisa tra Antalya in Turchia e Marsiglia, Florent Manaudou si trasferisce in modo stabile nella città francese, dove ha comprato una casa, allenandosi al CN Marseille.

Lo ha comunicato nell’intervista della giornalista Isabelle Langé, in occasione della trasmissione On refait le sport, dell’emittente radiofonica RTL in collaborazione con Le Parisien:

Resto qui a fare alcuni stage al sole. Lavorerò con Julien Jacquier come nel 2014. Insieme cercheremo di conquistare un nuovo titolo olimpico. Ho pensato molto durante le sei settimane della bolla ISL. La pandemia e le tensioni politiche tra Erdogan [presidente turco] e la Francia erano necessariamente nella mia lista. Avere la mia famiglia, i miei amici, il miglior gruppo di allenamento in Francia e gli allenatori con cui ho lavorato e con cui vado molto d’accordo, ha pesato sulla bilancia.

Sicuramente per la scelta ha pesato la difficoltà vissuta durante il primo lockdown. Il campione francese era rientrato in Francia all’ultimo momento possibile:

Sarò più felice, non dovrò chiedermi come tornare a casa, quale volo prendere e  rischiare di restare bloccato. Ho avuto la fortuna di avere una seconda base di allenamento che ora diventa la prima.

La bolla ISL dello scorso autunno ha permesso a Florent Manaudou di misurarsi e riflettere sulla sua preparazione per i Giochi, maturando poi la scelta. Una decisione che ha trovato supporto e comprensione del suo tecnico James Gibson (Energy Standard), che già lo aveva seguito nel 2012 e poi, dopo la pausa “pallamano”, dalla ripresa nella primavera del 2019.

Avevo un po’ paura a comunicarglielo. È una separazione, ma lui mi ha detto che era il posto migliore per me in questo momento, visto quello che sta succedendo. Sono contento che mi supporti. Rimane un allenatore speciale e mi allenerò con lui di tanto in tanto in futuro. Fino al 2024, c’è molto tempo…

Trentenne, con progetti appunto almeno fino al 2024, il fratello minore di Laure è fiducioso che i Giochi di Tokyo possano realmente svolgersi questa estate. Il campione francese ha trovato forza anche grazie alla sua compagna, la nuotatrice danese Pernille Blume. La campionessa olimpica dei 50 stile libero si allenerà accanto a lui nella città del Vecchio Porto. 

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Florent Manaudou 🦍 (@florentmanaudou)

Sono tornato ad essere felice nella mia vita sportiva e personale Ci sono molte cambiamenti, ma sono più felice di prima. Prendo più iniziativa, sono più coinvolto nel mio progetto. Voglio fare cose che non facevo prima, non discutendo più con preparatori fisici, mentali e nutrizionisti. Ho preso più a cuore la mia carriera.

Dopo l’oro di Londra 2012, Florent ha conquistato due medaglie d’argento ai Giochi Olimpici di Rio, una nei suoi 50 stile libero ed una nella staffetta 4×100 stile libero.

 

La notizia da Radio RTL Francia e Le Parisien

 

Foto © Antonietta Baldassarre Deepbluemedia Insidefoto 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING

Campionati Europei

BUDAPEST
10-05-21

XXXII Giochi Olimpici

TOKYO
23-07-21
Gli Assoluti post-Covid di Bori e Miressi dopo 34 giorni di stop: le parole di coach Antonio Satta

Gli Assoluti post-Covid di Bori e Miress...

Abbiamo raggiunto il tecnico torinese Antonio Satta per una riflessione dopo i Campionati Italiani Assoluti Primaverili di Riccione che hanno ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu