Riscoprire il ruolo dello sport nella società italiana

Per giorni ho aspettato una telefonata, che non è arrivata. Speravo che qualcuno mi telefonasse a proposito di uno strapuntino “tecnico”, nel sottoscala del nuovo governo, che si occupi di sport.

La telefonata, però, non è arrivata, anche perché non appartengo ad alcuna lobby o partito, e quindi non posso lamentarmi. Eppure, dopo un incerto ministero dello sport, che ha rischiato di far sfilare senza tricolore la nazionale italiana ai Giochi olimpici, fa un certo effetto che lo sport sia quasi scomparso -nuovamente- dall’orizzonte della politica italiana.

Certo, qualche sottosegretario avrà la “delega”, ma non se ne accorgerà nessuno. Certo, il mondo dello sport, almeno quello istituzionale, dal CONI alla neonata “Sport e Salute”, tirerà un sospiro di sollievo, perché fin dai tempi di Giulio Onesti, ha sempre inseguito il principio “lo sport agli sportivi”, per gestire, in relativa autonomia, tanti soldi e migliaia di società sportive, che svolgono un ruolo importantissimo a favore dei giovani e non solo. Eppure, prima o poi, la politica dovrà porsi davvero il problema dello sport in Italia, non quello di vertice, di competenza del CONI, che ci entusiasma con le medaglie o ci delude quando non arrivano.

Lo sport, infatti, coinvolge, al tempo stesso, un’enormità di soldi televisivi e un volontariato umile e generoso, che tira avanti tra mille difficoltà. Lo sport è (ri)diventato una religione pagana, forse la religione più frequentata al mondo, che si nutre di una frequenza quotidiana di milioni e milioni di “fedeli”. Lo sport ha una dimensione etica e i suoi “comandamenti” dettano fatica, impegno, sacrifici, lealtà. Lo sport è soprattutto una scuola di “educazione civica”.

Ecco perché sarebbe ora che la politica, dopo un paio di tentativi finiti abbastanza male, riscoprisse davvero il ruolo dello sport nella società italiana, senza piccole invidie nei confronti della “casta” del CONI. Sarebbe ora che la politica si impegnasse per riconciliare il mondo dello sport con quello della scuola, che per decenni ha guardato con diffidenza chi, invece che studiare, “perdeva tempo” in piscina, in pista, in palestra, sui campetti di calcio, o, peggio ancora, gareggiava il sabato e la domenica, senza essere giustificato il lunedì.

Lo sport dà una direzione, un senso, una speranza e un sogno a milioni di giovani, che devono imparare a sacrificarsi e a rispettare le regole. Ecco perché è importante, anche se non mi è arrivata quella telefonata, che la piccola “delega” allo sport sia data a un tecnico, meglio -a questo punto- se una donna, che abbia fatto sport, che abbia faticato, vinto e perso, confrontandosi -con fair play- con le avversarie e che lo sport lo conosca davvero.

Ph. ©Di Presidenza della Repubblica, Attribution, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=38210179

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Stefano Rubaudo: "Andiamo all'attacco, con leggerezza" - INTERVISTA ESCLUSIVA

Stefano Rubaudo: “Andiamo all̵...

A poche ore dall'inizio delle 10Km olimpiche abbiamo intervistato il Coordinatore tecnico delle Squadre nazionali Stefano Rubaudo.  Buongiorno, Stefano. Iniziamo dall'argomento ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu