CIO e Francia insieme per i rifugiati

Il presidente del Comitato olimpico internazionale (CIO) Thomas Bach e la Ministra dello sport francese, l’ex nuotatrice campionessa mondiale e medagliata olimpica  Roxana Maracineau hanno siglato un accordo che impegna il paese transalpino a sostenere finanziariamente la Fondazione olimpica per i rifugiati (ORF), il programma in partnership con L’Agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite (UNHCR) che dal 2017 si occupa degli atleti in condizione, appunto, di profughi o rifugiati.

Nel 2016 il primo Team olimpico di atleti rifugiati ha preso parte ai giochi, e sono oggi oltre 50 gli atleti che beneficiano di questo supporto. Attualmente oltre 200mila giovani di sei paesi beneficiano di programmi sportivi organizzati dall’ORF per favorire il benessere e l’inclusione sociale.

Sono convinta che lo sport è uno strumento straordinariamente efficace per l’integrazione e l’emancipazione” commenta Maracineau “e sono fiera che, in vista delle Olimpiadi di Parigi 2024, il governo francese stia lavorando fianco a fianco con il CIO per sostenere attraverso lo sport i migranti e i rifugiati ospiti nel nostro paese

Leggi il comunicato ufficiale [ENG]

Ph. ©Jérémy Barande / Ecole polytechnique Université Paris-Saclay, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=79015184

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Gianfranco Saini: "200 stile libero: ecco perché non sono d'accordo con Thorpe"

Gianfranco Saini: “200 stile liber...

"Tutto il mondo nuota male i 200 stile libero": una sentenza che in bocca ad altri suonerebbe arrogante, ma che ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu