Aggiornamento sul Refugee Olympic Team per Tokyo 2020

Olympic Solidarity sta attualmente supportando 55 di atleti rifugiati, che si stanno allenando nella speranza di competere a Tokyo 2021 quest’estate. Provengono da 13 paesi e sono ospitati da 21 Comitati Olimpici Nazionali (NOC) in tutti e 5 i continenti, in rappresentanza di 12 discipline sportive.

Da Rio 2016, Olympic Solidarity ha investito oltre 2 milioni di dollari a sostegno dei titolari di borse di studio olimpiche per rifugiati che si preparano ai Giochi olimpici.

I borsisti per atleti rifugiati provengono da 13 paesi e sono ospitati da 21 NOC – Australia, Austria, Belgio, Brasile, Canada, Croazia, Egitto, Francia, Germania, Israele, Giordania, Kenya, Lussemburgo, Portogallo, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Trinidad e Tobago, Turchia, Svezia, Svizzera e Regno Unito – e rappresentano 12 sport: atletica, acquatica, badminton, boxe, canoa, ciclismo, judo, karate, taekwondo, tiro, sollevamento pesi e wrestling. Le storie dei 55 titolari di borse di studio per atleti rifugiati possono essere seguite sulle maniglie dei social media del Refugee Olympic Team e sotto gli hashtag #RefugeeOlympicTeam #Tokyo2020 #StrongerTogether #Hope #OlympicRefuge.

Comunicato integrale CIO [ENG]

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Luca Dotto: verso nuovi obiettivi, con una nuova guida e tanto entusiasmo

Luca Dotto: verso nuovi obiettivi, con u...

Negli ultimi giorni, a livello social e non solo, il campione veneto Luca Dotto ha lanciato messaggi relativi a cambiamenti, ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu