Antidoping, Europa a rilento

Meno della metà delle Agenzie nazionali antidping (NADO) avevano adeguato le proprie linee guida al nuovo Codice mondiale antidoping al momento della sua entrata in vigore lo scorso gennaio, nonostante l’Agenzia mondiale antidoping (WADA) ne avesse sollecitato l’implementazione già da novembre 2020.

Il dato europeo di conformità (37%) è il peggiore a livello globale, con l’Asia al 48%, l’Oceania al 53%, l’Africa al 58% e le Americhe al 95%.

I dati sono contenuti nel Report annuale sulla conformità al Codice pubblicato da WADA, che si dichiara preoccupata per la situazione pur riconoscendo che la pandemia di Covid-19 ha certamente giocato un ruolo importante nel rallentamento dei lavori.

Consulta il report completo [ENG]

Ph. ©jorono @Pixabay

image_pdfScarica contenuto in pdf
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING

Campionati Europei

BUDAPEST
10-05-21

XXXII Giochi Olimpici

TOKYO
23-07-21
Davide Pontarin: "Società agonizzanti, aiuti inesistenti, ma non molliamo. Torno a bordo vasca per tutelare gli atleti"

Davide Pontarin: “Società agonizza...

La pandemia ha colpito duramente il mondo del nuoto, a livello sia agonistico sia gestionale. Le risorse sono sempre più ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu