Kafka in piscina

Kafka vuole andare in piscina, ma non sa come fare. Forse potrebbe nuotare, dal prossimo 15 maggio, in una vasca scoperta, ma è cagionevole di salute e dalle sue parti non ci sono piscine scoperte.

Quasi nessuno conosce la passione per il nuoto di Franz Kafka, ma proprio per questo vorrebbe capire se, quando, dove e soprattutto perché si può o non si può nuotare. Certo, sa bene che stiamo vivendo una terribile pandemia, anche se spera si stia attenuando. È un tipo solitario e non gli interessano gli aperitivi che creano assembramenti e non gli dispiace essere già a casa alle 22.00, dopo cena.

Ma non ha capito perché, dal 1° giugno, le palestre al coperto possono funzionare regolarmente e le piscine coperte, anche se con le stesse regole e cautele, invece no. Kafka è una persona precisa ed accurata, perché ha lavorato per anni alle Assicurazioni Generali. Sa leggere ed analizzare i documenti, è rispettoso delle istituzioni, eppure non riesce a capire. Ha obbedito sempre a tutte le “ordinanze”, ma questa non riesce a digerirla. Ha aspettato con ansia il DL del 22.04.2021, che all’articolo 6 consente l’attività delle piscine all’aperto dal 15 maggio, ma nel paragrafo sotto autorizza dal 1° giugno solo l’attività delle palestre, al chiuso, e non delle piscine.

Chissà perché, si è chiesto Franz Kafka. Sa che la scienza ha certificato in modo inequivocabile che nell’acqua calda delle piscine, piene di cloro, il famelico virus si decompone e perde la sua carica velenosa (virus significa veleno). Allora si è rivolto a quella burocrazia ministeriale, che conosce molto bene, per avere qualche spiegazione. Questa volta, grazie alle FAQ, le “Frequently Asked Questions”, gli è arrivata una risposta e la FAQ n.4 del 6 maggio 2021 del Dipartimento dello sport, stabilisce che per “palestra” si debba intendere “qualunque locale attrezzato per praticare sport al chiuso”. Evviva, esulta il normalmente impassibile Franz Kafka. Allora i bambini possono di nuovo, dopo quasi un anno, imparare a nuotare, e anche lui, come milioni di appassionati dell’acqua, può ritornare in una piscina coperta a fare un po’ di nuoto libero.

Ma la burocrazia resta la burocrazia, anche se non è così sorda, cieca e feroce come quella che ha descritto ne “Il Processo” (1925). E così, il giorno dopo, lo stesso Dipartimento dello sport, con un’altra FAQ e un’ardita capriola logica, aggiunge una parolina che chiude il discorso: l’unica attività consentita è quella “a secco”. Perché si può sudare, saltare, respirare in una palestra chiusa, “a secco”, e non nuotare, distanziati e “clorati”, in acqua? Qualcuno al Dipartimento si è sbagliato? Non è possibile perché “Uno dei principi che regolano il lavoro dell’amministrazione è che non si deve mai contemplare la possibilità di uno sbaglio” (“Il Castello”, 1926).

Franz Kafka rispetta le regole e si fida della scienza, ma non riesce a capire: chi, con quale competenza e perché ha preso questa decisione? Nemmeno Kafka sa darsi una risposta, anche se si tratta di una situazione …Kafkiana.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Kyle Chalmers: "... voglio far parte delle più grandi gare della storia"

Kyle Chalmers: “… voglio far...

Il campione olimpico di Rio 2016, Kyle Chalmers (22), si dice pronto per i Giochi di Tokyo, oggi ha nuotato ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu