Abusi sessuali, anche il nuoto sudafricano sotto osservazione

Il Partito dell’alleanza democratica di opposizione del Sudafrica ha manifestato al Comitato olimpico del paese (SASOC) le preoccupazioni riguardanti la possibile convocazione olimpica di un allenatore di nuoto indagato per abusi sessuali.

La deputata del partito Veronica Van Dyk chiede al presidente del Comitato Barry Hendricks “un aggiornamento sulle politiche adottate per proteggere le atlete e gli atleti dai molestatori, e quali Federazioni hanno aderito a tali politiche”.

La Federazione sudafricana di nuoto (SS) non è purtroppo nuova a queste accuse: nel solo ultimo anno sono stati avviati procedimenti giudiziari contro tre allenatori, fra le vittime dei quali Debbie Wade, che nello scorso novembre aveva resa pubblica la propria storia di violenze subite.

Nessuno dei procedimenti è giunto a conclusione, ma se SS dovesse far valere la presunzione di innocenza e convocasse tecnici che successivamente venissero condannati vedrebbe crollare la propria credibilità in tema di salvaguardia delle atlete e degli atleti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING

6° Trofeo SIS ROMA

Ostia
01-07-22

Rossini Swim Cup

Pesaro
02-07-22

23° Meeting di Tortona

Tortona
09-07-22
Sasha Touretski: "Sono molto felice di essere tornata sui 50 stile: è la mia gara."

Sasha Touretski: “Sono molto felic...

Abbiamo avuto il piacere di incontrare Sasha Touretski a Merano e di scambiare con lei qualche battuta. Nonostante il cognome ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu