Swimming Australia ammette: “Comportamenti inaccettabili che durano da decenni”

Alla fine Swimming Australia (SA) deve arrendersi all’evidenza, rilasciando un comunicato inequivocabile a seguito delle indagini interne avviate a seguito delle accuse di Madeline Groves (nella foto), che si era ritirata dai trials accusando i “misogini pervertiti e i loro tirapiedi” che popolano il nuoto australiano.

Groves lo scorso venerdì ha incontrato la commissione tutta al femminile costituita da SA: un incontro definito “produttivo” e al quale ha seguito sabato il suddetto comunicato:

Riconosciamo che dei membri della comunità del nuoto sono stati vittime di comportamenti inaccettabili, che in alcuni casi perdurano da decenni.

È stata avviata un’opera di correzione di questa situazione.

Siamo profondamente preoccupati e comprendiamo la gravità di queste segnalazioni. Abbiamo a cuore la nostra integrità e la nostra etica, e indagheremo con il massimo rigore

Nel frattempo il nuovo direttore generale Alex Baumann ha avviato un’indagine interna parallela ai lavori della commissione.

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Cesare Butini: "Un'Olimpiade anomala ma entusiasmante. Parigi è già dietro l'angolo". INTERVISTA ESCLUSIVA

Cesare Butini: “Un’Olimpiade...

Buongiorno Cesare, innanzi tutto: qual è il tuo bilancio di questa Olimpiade azzurra? Il bilancio è naturalmente molto positivo. Al ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu