Uso ricreativo della cannabis, gli USA chiedono un ripensamento

La sospensione della velocista Sha’Carri Richardson, “colpevole” di avere fumato marijuana in un momento di sconforto dopo avere saputo del decesso della madre biologica, ha riacceso negli Stati Uniti la discussione sulla liberalizzazione dell’uso ricreativo dei derivati della cannabis per gli sportivi.

 

L’Agenzia antidoping USA (USADA) chiede ora regole più flessibili per gli atleti risultati positivi alla cannabis, mentre si moltiplicano le voci di un’iniziativa della stessa Casa bianca per incontrare i vertici dell’Agenzia mondiale antidoping (WADA) e valutare un allentamento delle restrizioni dopo che il presidente Joe Biden ha manifestato solidarietà a Richardson affermando che “le regole sono regole, ma le regole si possono cambiare”.

Leggi la notizia su Reuters [ENG]

Ph. ©M.Fischer @Pexels

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Il DT Cesare Butini sulla prossima stagione agonistica. "Anche dai giovani un segnale positivo".

Il DT Cesare Butini sulla prossima stagi...

A circa un mese dall'Europeo di Roma abbiamo raggiunto il direttore tecnico delle squadre nazionali Cesare Butini per raccogliere qualche ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu