Maddie Groves: “Saltare le Olimpiadi? La scelta giusta”

Nel corso di un’intervista con The Sydney Morning Herald la nuotatrice australiana Madeline (Maddie) Groves, la cui decisione di non partecipare ai trials olimpici come forma di protesta contro la misoginia imperante nel nuoto aussie aveva destato grande scalpore, dichiara di non avere rimorsi e di avere preso la decisione giusta.

È stato fantastico sentire un così grande supporto, è stata una decisione snervante. È stato difficile perdere una simile opportunità, ma i risultati hanno ampiamente compensato il disagio. Ne è valsa la pena. Se la commissione d’indagine istituita da Swimming Australia otterrà dei risultati efficaci nel rendere il nostro sport più sicuro e praticabile per tutte e tutti, sarà un successo molto più brillante di una medaglia olimpica.

Sono stanca di sentire persone che qualificano la mia decisione come una debolezza. Ho chiamato le cose con il loro nome. È qualcosa che ho attraversato e sperimentato per anni, non erano parole in libertà. Mi ci è voluto molto tempo per elaborare queste esperienze. Non volevo scendere in campo per rappresentare persone con le quali non mi sentivo sicura e a mio agio.

Ho avuto un grande supporto da molte persone all’interno del team, e penso che già per questo ne sia valsa la pena.

 

LEGGI L’INTERVISTA COMPLETA [ENG]

NOTIZIE CORRELATE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Paralimpiadi e inclusione: una riflessione di e con Pio D'Emilia

Paralimpiadi e inclusione: una riflessio...

di Pio D’Emilia e Silvia Scapol Si sono concluse le Paralimpiadi del nuoto: i nostri azzurri sono stati a dir ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu