Just Keep Swimming

Forse hai avuto una stagione difficile. Forse hai perso quel tempo che speravi per tutto l’anno di 0,10 secondi. Forse non sei migliorato molto come speravi. Forse ti sei ammalato e non sei stato in grado di nuotare. Forse, solo forse, ti senti come bloccato.

Ti è familiare? Se è così, non sei solo. Tutti i nuotatori, anche gli atleti più esperti e d’élite, hanno attraversato momenti in cui si sentono come se avessero raggiunto un punto di plateau e non potranno mai migliorare.

Anche se tutti attraversano questi momenti difficili, solo coloro che sono veramente coinvolti e hanno il desiderio di combattere saranno in grado di sfondare. Ecco solo alcuni suggerimenti su come puoi aiutarti ad allenarti mentalmente e sfruttare la forza per superare quell’ostacolo.

Concentrati sulle piccole vittorie.

Ogni volta che sembra che tutto stia andando terribilmente storto durante la tua gara o la tua stagione, guarda il quadro generale. Certo, forse non hai nuotato il tuo miglior tempo nei tuoi 200 stile libero, ma la tua terza frazione di 50 è stata la più veloce che tu abbia mai fatto in quell’evento. Forse ti sentivi come se avessi appena nuotato il peggiore 500 stile libero della tua vita, ma il tuo allenatore commenta positivamente la tua tecnica e le subacquee.

Ricorda che ogni gara o allenamento dovrebbe essere messo in una prospettiva più ampia.

Sii reale con te stesso.

Questo potrebbe essere difficile da accettare per alcuni nuotatori. Per avere successo, devi sapere che stai vivendo al massimo del tuo potenziale e che stai facendo tutto il possibile al meglio delle tue capacità. Ti stai allenando duramente, o ti presenti all’allenamento per nuotare senza pensare? Stai lavorando ascoltando il tuo allenatore? Stai mettendo altre priorità prima del nuoto che non avevi in passato? Stai dormendo abbastanza, mangiando correttamente e bevendo abbastanza acqua?

Non cercare scuse per te stesso.

Rifletti sulle decisioni che hai preso e su cosa hai fatto o non hai fatto. Vieni a patti con ciò che avresti dovuto fare meglio e pensa a quali cambiamenti positivi puoi apportare.

Parla col tuo allenatore o un amico fidato.

Racconta a qualcuno che rispetti e di cui ti fidi come ti senti. La persona principale con cui parlare sarebbe il tuo allenatore: lui o lei ti vede in allenamento tutti i giorni e sa come ti comporti. Parlando con loro, potresti farti un’idea del motivo per cui non stai migliorando e potrebbero offrire suggerimenti su come combattere la situazione. Sono lì per aiutarti, hanno a cuore il tuo interesse e vogliono vederti avere successo.

Insieme potete attuare un piano d’azione.

Esprimere le tue preoccupazioni a qualcuno, anche se potrebbe sembrare spaventoso a volte vulnerabile, può aiutare.

Stabilisci obiettivi reali.

Stabilire obiettivi ponderati e realistici può creare un forte senso di determinazione e desiderio in qualsiasi nuotatore. Pianifica gli obiettivi che hai per la prossima stagione, o anche solo il prossimo allenamento. Stabilire questi obiettivi tangibili può darti qualcosa su cui lavorare e aggiungere più significato al tuo nuoto.

Cosa speri di realizzare in questa stagione? C’è un certo tempo che speri di ottenere? Vuoi migliorare la tua tecnica? Vuoi avere un atteggiamento complessivamente più positivo? Quali sono i tuoi obiettivi? Annotali da qualche parte e conservali.

I tuoi obiettivi dovrebbero farti riflettere su chi vuoi essere come persona e nuotatore.

Ricordati perché hai iniziato.

Hai iniziato a nuotare da piccolo perché amavi l’acqua? I tuoi genitori ti hanno iscritto un giorno dopo le lezioni di nuoto per capriccio e ti sei innamorato di questo sport? La competizione e il desiderio di vincere ti rendono energico, soddisfatto e desideroso? Ricorda perché hai iniziato a nuotare. Qualunque sia la ragione, ricorda perché è “divertente” per te.

Potresti aver scoperto che questo “divertimento” è stato perso da qualche parte lungo la strada. Cerca di nuovo la passione e quando sei nel bel mezzo di una frazione estenuante o ti senti giù per una gara, ricorda perché sei lì e perché hai iniziato.

Andare avanti.

Questi sono alcuni dei consigli che puoi attuare per superare il tuo “blocco”. Implementa queste idee, incorporale con i consigli di chi ti circonda, nella tua vita quotidiana. Tieni traccia dei tuoi progressi. Ma soprattutto, cerca di mantenere un atteggiamento positivo.

Anche se può sembrare impossibile non scoraggiarti o frustrarti con te stesso, ricorda sempre che sei più forte di quanto pensi. Le montagne si possono superare.

Continua a nuotare!

By Madeline Ladd, Swimming World College Intern

 

Swimmingworldmagazine.com

ph.©deepbluemedia.com

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Adam Peaty: "... Se avessi avuto un piede rotto, avrei nuotato con uno"

Adam Peaty: “… Se avessi avu...

Adam Peaty (27) a poche ore dall'ufficialità della sua presenza ai Giochi del Commonwealth ed ai Campionati Europei di Roma, ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu