Mondiali day 5, Fabio Scozzoli: “Popovici il nuovo van den Hoogenband”

Si chiude la quinta giornata dei campionati del Mondo alla Duna Arena di Budapest, e con grande attesa arriva puntualissimo il commento di Fabio Scozzoli. Oramai appuntamento fisso e apprezzatissimo dai nostri lettori, sempre attento e costruttivo.

Questa sera ha commentato così la giornata di gare:

Partendo da Mire (Alessandro Miressi) nei 100 stile, aveva dato il meglio di sè ieri, ma oggi purtroppo ha nuotato un tempo che aveva fatto anche negli altri giorni (48.31), sia in staffetta che in qualifica. Questa è la conferma che ieri aveva fatto un “numero da circo” per guadagnarsi questa finale, e secondo me ha ancora più valore. Perchè uno come lui non poteva mancare in questa finale mondiale. Deve avere la consapevolezza che se la può comunque giocare con i migliori al mondo.

MIRESSI Alessandro ITA 100m Freestyle Men Semifinal FINA 19th World Championships Budapest 2022
Budapest, Duna Arena 21/06/22 Photo Giorgio Scala / Deepbluemedia / Insidefoto

 

Sempre nei 100 stile Popovici (David Popovici) io lo paragono po’ al nuovo Van Den Hoogenband, un livello incredibile. Penso che sarebbe andato ancora più forte se oggi ci fosse stato Caeleb Dressel in vasca. Ma siccome era lui l’uomo da battere ha sentito leggermente la pressione.

POPOVICI David ROU Gold Medal 200m Freestyle Men Final Swimming FINA 19th World Championships Budapest 2022 Budapest, Duna Arena 20/06/22 Photo Andrea Staccioli / Deepbluemedia / Insidefoto

 

Sulla prestazione di Francesca (Francesca Fangio) penso che si debba godere un po’ di più il momento, è comprensibile che il tempo non la soddisfi (2:25.09), ma si è guadagnata la sua prima finale mondiale. Domani ha un’altra opportunità per nuotare meglio e le auguro di farlo.

FANGIO Francesca ITA 200m Breaststroke Women Heats Swimming FINA 19th World Championships Budapest 2022 Budapest, Duna Arena 22/06/22 Photo Giorgio Scala / Deepbluemedia / Insidefoto

 

IN EVIDENZA

Matteo Rivolta: "È una scelta coraggiosa, dolorosa ma necessaria, nel rispetto mio e di chi con me ha lavorato, sofferto, sognato."

Matteo Rivolta: “È una scelta coraggiosa...

Essere atleta è sicuramente difficile: l'allenamento, la prestazione, accettare la sconfitta e in caso di vittoria il peso di doversi ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative