Netflix lancia il film biografico “The Swimmers”. Il trailer.

La statunitense Netflix ha pubblicato il trailer di “The swimmers”, il film biografico che racconta la storia delle sorelle siriane YusraSarah Mardini, fuggite dalla Siria nel 2015 dopo che la loro casa è stata distrutta dai bombardamenti, nel loro viaggio hanno transitato dalla Turchia alla Grecia attraversando il Mar Egeo: nel corso della traversata il motore dell’imbarcazione subì un’avaria e le sorelle, insieme ad altri passeggeri, trainarono la barca fino a riva, questo incredibile viaggio di 25 giorni le ha portate attraverso nove paesi prima di arrivare in Germania dove ottengono il diritto di residenza e riprendono le loro aspirazioni olimpiche in piscina.

Il film è stato diretto dalla regista gallese-egiziana Sally El Hosaini, che ha scritto anche la sceneggiatura insieme a Jack Thorne. Il produttore è Stephen Daldry, già noto per The Crown, le location spaziano fra Belgio e Turchia. Le sorelle Mardini saranno interpretate dalle sorelle libanesi Manal Nathalie Issa.

Il film sarà disponibile sulla piattaforma Netflix il prossimo 23 novembre.

 

Butterfly” è il titolo del libro autobiografico edito da Giunti di Yusra Mardini, la ragazza siriana fuggita dalla guerra e approdata alle Olimpiadi. Un’atleta che, insieme alla sorella, ha sfidato l’impossibile per realizzare il proprio sogno: partecipare ai Giochi Olimpici di Rio.

Alle Olimpiadi di Rio del 2016, cinque donne si preparano ai blocchi di partenza per la prima batteria dei 100 metri farfalla. Quattro di loro sono rappresentate dalla bandiera della nazione per cui gareggiano. La bandiera di Yusra Mardini, invece, è quella bianca con gli anelli olimpici della squadra dei rifugiati. Yusra è una diciottenne siriana, ma non può competere per il suo paese. È fuggita da una Damasco devastata e resa irriconoscibile dalla guerra, perché aveva un sogno: continuare a nuotare e prepararsi per le olimpiadi. Quando, un anno prima, una bomba buca il tetto della piscina in cui Yusra e sua sorella Sara si stanno allenando e finisce in acqua – inesplosa – a pochi metri da loro, le due ragazze comprendono che non possono attendere oltre e lasciano la Siria per raggiungere l’Europa. Ma il viaggio che le aspetta è pericoloso e pieno di insidie. In Turchia, i trafficanti le stipano su un sovraffollato gommone a motore che a metà della traversata verso un’isola greca si ferma, guasto. Yusra e Sara si tuffano in mare e nuotano per ore nelle acque gelide, rischiando la vita, affiancando l’imbarcazione fino a raggiungere le coste di Lesbo e portando in salvo tutti i passeggeri. Da lì, il loro viaggio prosegue attraverso la Serbia, l’Ungheria, l’Austria, fino in Germania, dove Yusra trova qualcuno che crede nel suo talento di nuotatrice e la convince a prepararsi per le Olimpiadi di Rio in cui, per la prima volta, gareggia una squadra di atleti rifugiati.

Articoli correlati

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Il DT Cesare Butini sulla prossima stagione agonistica. "Anche dai giovani un segnale positivo".

Il DT Cesare Butini sulla prossima stagi...

A circa un mese dall'Europeo di Roma abbiamo raggiunto il direttore tecnico delle squadre nazionali Cesare Butini per raccogliere qualche ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu