Thomas Bach: “Gli atleti non dovrebbero mai essere vittime delle politiche del proprio Governo”

Durante l’assemblea generale dell’ANOC (Associazione dei Comitati Olimpici Nazionali) tenutasi a Seul dal 18 al 21 ottobre, Thomas Bach, presidente del CIO (Comitato Olimpico Internazionale), si è interrogato sulla questione riguardante Russia e Bielorussia: i due Paesi, infatti, sono stati esclusi dalle competizioni sportive internazionali a seguito dello scoppio della guerra in Ucraina.

Il ruolo del CIO, come possiamo leggere nella Carta Olimpica, è quello di gestire la diffusione dell’olimpismo garantendo azioni in favore della pace, agendo contro ogni forma di discriminazione e opponendosi ad ogni forma di strumentalizzazione politica.

Le sanzioni, secondo Bach, dovrebbero colpire solo i diretti responsabili della guerra.Gli atleti russi non sono colpevoli; per questo motivo, l’idea sarebbe quella di farli partecipare alle competizioni sotto bandiera neutrale.Il pensiero di Bach è condiviso da gran parte dei rappresentanti dei NOC (Comitato Olimpico Nazionale) di diverse nazioni, che vorrebbero poter riconsiderare la posizione del CIO nei confronti degli atleti russi e bielorussi

Tuttavia, considerando gli ideali espressi nella Carta Olimpica la situazione attualmente rappresenta un “dilemma irrisolvibile”: gli atleti non dovrebbero mai essere vittime delle politiche del proprio governo; d’altra parte, il Comitato non è in grado di garantire una competizione pacifica in una situazione delicata come questa.

Foto ©deepbluemedia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING

XXII Coppa della Perdonanza

L’Aquila
03-12-22

1° Livorno Winter Meet

Livorno
17-12-22

Laus Christmas Cup

Lodi
18-12-22
Solidarietà Olimpica: dalla nascita al giorno d’oggi, una storia raccontata da Pere Mirò

Solidarietà Olimpica: dalla nascita al g...

Pere Mirò entra a far parte del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) nel 1992 su richiesta dell’allora presidente Juan Antonio Samaranch, ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu