Cesare Butini al 20° Meeting Del Titano a San Marino.

Per il Direttore Tecnico della Nazionale Assoluta Cesare Butini il Meeting del Titano è una tappa importante per valutare la condizione degli atleti. La sua presenza a questa manifestazione è una costante.

Il Meeting del Titano si posizione sempre in un momento un po’ particolare della preparazione degli atleti, che ovviamente è mirata all’ottenimento della miglior prestazione in sede di Campionato Assoluto che quest’anno si svolgerà a Riccione dal 13 al 17 aprile. In questo momento i ragazzi escono da un periodo di grossa preparazione in termini di quantità e devono trasformare questa preparazione in qualità. È comunque importante gareggiare: attualmente nella preparazione di un atleta la competizione intermedia ha una valenza molto più marcata rispetto a un po’ di tempo fa.

In questo meeting abbiamo visto delle buone prestazioni soprattutto, secondo me, dai più giovani. Assistiamo all’ingresso di nuove leve dando dimostrazione che il movimento è sicuramente in buona salute. I big soffrono un pò di più dell’aspetto metodologico, ma ho visto da parte loro dei buoni passaggi. Questo significa che tecnici e società stanno finalizzando la preparazione all’ottenimento della migliore prestazione per i Campionati di aprile.

Proprio in virtù del fatto che i meeting sono delle tappe importanti per valutare il livello di preparazione dell’atleta, cosa ne pensi dell’ideazione dell’Italian Swim Tour?

Ben venga un circuito, che sia ben integrato e che abbia una calendarizzazione ottimale per quanto riguarda la preparazione. In passato andavamo a cercare dei meeting di qualità all’estero, per poter consentire agli atleti di crescere. In questo momento possiamo fare riferimento a dei meeting interni che sono di ottima qualità. Sono degli strumenti utilissimi, per tecnici e atleti, che possono fare valutazioni intermedie di quello che sarà l’obiettivo finale tecnico. Mi auguro che possa essere un volano per arrivare alla realizzazione di un circuito estivo e che quindi preveda delle tappe da giugno in poi. La cosa fondamentale è che si continui ad investire nello sport.

Gli Assoluti di aprile sono un momento cruciale anche in vista del Mondiale di Fukuoka. 

I Campionati Italiani Assoluti quest’anno sono a tutti gli effetti un crocevia. Sono un appuntamento importante che consente la qualificazione non solo per i Mondiali di Fukuoka, ma anche per le Universiadi. Ci daranno delle indicazioni importanti anche per le squadre giovanili e inoltre potremo avere degli spunti per il neonato Campionato Under 23, che noi useremo anche a livello discrezionale per quegli atleti che potrebbero non essere  convocati ai Mondiali in Nazionale Assoluta. Probabilmente entreranno nella nazionale delle Universiadi e questo potrebbe essere un modo per incentivarli, coinvolgerli, motivarli. Perché quello che noi dobbiamo fare è anche guardare dopo Parigi 2024. Attualmente entrare in una Nazionale Assoluta maschile è complicato per la qualità degli atleti perciò questo ci consente di mantenere alta la motivazione di quegli atleti che stanno in una sorta di limbo della categoria cadetti. Pertanto ben venga questa situazione che può essere funzionale alla crescita dei giovani.

ASCA World Clinic 2024

Orlando (USA)
04-09-24
Sara Curtis: "Sorridere è una buona medicina. Mi fido di Thomas, ma soprattutto lui si fida di me."

Sara Curtis: “Sorridere è una buona medi...

Il sorriso è il suo biglietto da visita. Per Sara Curtis si tratta di una stagione che sta evolvendo in ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative