Il CIO apre a Russia e Bielorussia. Le raccomandazioni per le federazioni sportive internazionali.

Il Comitato Olimpico Internazionale, per voce del suo Presidente Thomas Bach, ha raccomandato ufficialmente ai leader del movimento olimpico e alle federazioni sportive internazionali di accettare la partecipazione degli atleti russi e bielorussi alle competizioni sportive internazionali, iscritti individualmente come atleti neutrali, ha poi aggiunto che tale richiesta non significa che possano poi partecipare ai Giochi Olimpici, anche se si sono qualificati, e che tale decisione sarà valutata  al momento opportuno.

È stato anche sottolineato che i Giochi Olimpici non possono prevenire guerre e conflitti. Né possono affrontare tutte le sfide politiche e sociali del nostro mondo. Questo è il regno della politica. Ma i Giochi Olimpici possono dare l’esempio per un mondo in cui tutti rispettano le stesse regole l’un l’altro. Possono ispirarci a risolvere i problemi costruendo ponti, portando a una migliore comprensione tra le persone. Possono aprire la porta al dialogo e alla costruzione della pace in modi che l’esclusione e la divisione non fanno.

Queste le raccomandazioni alle Federazioni Sportive Internazionali:

1. Gli atleti con passaporto russo o bielorusso dovrebbero competere solo come singoli atleti neutrali.

2. Le squadre di atleti con passaporto russo o bielorusso non possono essere considerate.

3. Gli atleti che sostengono attivamente la guerra non possono competere. Il personale di supporto che sostiene attivamente la guerra non può essere accreditato.

4. Gli atleti assunti dall’esercito russo o bielorusso o dalle agenzie di sicurezza nazionale non possono competere. Il personale di supporto assunto dalle forze armate russe o bielorusse o dalle agenzie di sicurezza nazionale non può essere accreditato.

5. Qualsiasi singolo atleta neutro, come tutti gli altri atleti partecipanti, deve soddisfare tutti i requisiti antidoping applicabili a loro e in particolare quelli stabiliti nelle regole antidoping.

6. Le sanzioni contro i responsabili della guerra, gli stati e i governi russi e bielorussi, devono rimanere in vigore.

 

Per approfondimenti rimandiamo al documento del comitato olimpico internazionale.

Articoli correlati

Il canale Telegram di Nuoto•com

Coppa Parigi 2024 Open

Pescara (Le Naiadi)
29-06-24

25° Meeting di Tortona

Tortona
29-06-24
Cesare Butini: Verso Parigi 2024, passando per Roma.

Cesare Butini: Verso Parigi 2024, passan...

Da venerdì la splendida Piscina del Foro Italico di Roma sarà teatro della 60° Edizione del Sette Colli. Ultima occasione ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative