Kliment Kolesnikov e Evgeny Rylov non parteciperanno alle Olimpiadi di Parigi.

Il primatista del mondo Kliment Kolesnikov e il campione olimpico Evgeny Rylov hanno dichiarato, in sedi ed occasioni diverse, che sulla base degli attuali criteri di ammissione alle competizioni internazionali imposte dal Comitato Olimpico Internazionale, non parteciperanno ai Giochi Olimpici di Parigi, se questo accadesse sarebbe un brutto colpo per il nuoto mondiale.
Il presidente del Comitato della Duma di Stato per la cultura fisica e lo sport Dmitry Svishchev ha approvato la decisione di Kliment Kolesnikov .
“Rispetto la decisione di Kolesnikov. Comprendiamo che ai russi siano state imposte enormi sanzioni. Condizioni assolutamente umilianti. Un gran numero di requisiti che non hanno nulla a che fare con lo sport”, Sport-Express.

Lo scorso 7 dicembre il CIO ha confermato l’ammissibilità degli atleti russi e bielorussi ai Giochi di Parigi 2024 sotto lo status di “neutral” (AIN); senza bandiera, senza inno, senza simboli, senza rilasciare interviste e potranno gareggiare solo in eventi individuali.

Lo scorso settembre World Aquatics ha approvato le richieste dei nuotatori  bielorussi; Ilya Shimanovich, Anastasia Shkurday, Alina Zmushko e Anastasia Kuleshova che hanno chiesto e ricevuto lo status di “neutral” da World Aquatics per poter tornare a gareggiare nelle competizioni internazionali.

  • Gli atleti e lo staff di supporto possono partecipare alle competizioni solo a condizione che rispettino tutti i regolamenti di World Aquatics, non abbiano alcun contratto o accordo in essere con l’esercito russo o bielorusso o altre agenzie di sicurezza nazionale e non abbiano sostenuto la guerra in Ucraina in “qualsiasi forma di espressione verbale, non verbale o scritta”. World Aquatics ha nominato un panel per verificare che atleti, allenatori e funzionari non abbiano mostrato alcun sostegno alla guerra, tramite dichiarazioni, post sui social media o preso parte a manifestazioni pro-guerra.
  • Le bandiere di entrambi i paesi non possono essere utilizzate,  gli atleti saranno identificati attraverso la bandiera World Aquatics, medesima condizione per gli inni nazionali, per qualsiasi cerimonia che riguardi Russia e Bielorussia sarà utilizzato l’inno di World Aquatics.
  • Gli atleti sono tenuti a indossare divise di colore bianco, non sono ammessi eventuali segni distintivi della propria nazione.
  • Gli atleti non potranno partecipare alle conferenze stampa e/o essere intervistati nella mixed zone.
  • Saranno implementati ulteriori protocolli antidoping, tra cui un “Programma antidoping mirato” con test specifici, indagini approfondite e un attento monitoraggio del passaporto biologico dell’atleta.

Articoli correlati

 

Cesare Butini: Verso Parigi 2024, passando per Doha.

Cesare Butini: Verso Parigi 2024, passan...

In occasione degli Europei di Otopeni, svoltisi dal 5 al 10 dicembre scorso, ci siamo confrontati con il Direttore Tecnico ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative