USA Swimming sotto accusa: abusi sessuali e corruzione

Secondo il Wall StreetJournal il Federal Bureau of Investigation (FBI) ha messo sotto inchiesta USA Swimming per questioni di molestie sessuali e distrazione di fondi.

Una portavoce di USA Swimming dichiara allo stesso giornale che la federazione “sostiene qualsiasi iniziativa volta a salvaguardare gli atleti” e confida che le accuse di malversazione si riveleranno infondate.

Per quanto riguarda il filone finanziario dell’inchiesta, l’attenzione dei pubblici ministeri di New York si concentra sui passaggi di denaro fra USA Swimming e la compagnia di assicurazioni controllata USA Swimming Foundation, che fra i propri testimonial conta numerosi campioni presenti e passati del nuoto a stelle e strisce.

Sul fronte degli abusi sessuali è stato interrogato, insieme ad altri testimoni, l’attuale presidente di USA Swimming . Tim Hinchey. Il sospetto è che “alcuni atleti siano stati costretti a prestazioni sessuali in cambio di convocazioni e altri favoritismi nelle competizioni nazionali ed estere”.

Un’autentica bomba sull’ente che governa il nuoto USA, in coincidenza con l’inaugurazione della stagione olimpica.

Leggi l’articolo del Wall Street Journal

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Riccardo Vernole per Nuotopuntocom: la FINP verso Tokyo

Riccardo Vernole per Nuotopuntocom: la F...

A margine del Campionato italiano in acque libere FINP di Alghero (Freedom in water), abbiamo incontrato ed intervistato il Commissario ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu