Thomas Bach: “Gli atleti nella WADA sono già rappresentati”

Il presidente del Comitato olimpico internazionale (CIO), il tedesco Thomas Bach (nella foto, a destra di fianco al presidente FINA Julio Maglione), risponde alle critiche sollevate da Global Athlete, un’organizzazione che mira a dare maggior peso agli atleti all’interno delle istituzioni sportive, sulla scarsa rappresentatività degli sportivi praticanti all’interno della WADA, l’Agenzia mondiale antidoping.

Nel corso della quinta Conferenza mondiale sul doping in corso di svolgimento a Katowice in Polonia, Bach ha ribadito che il Comitato atleti della WADA (del quale fanno parte Beckie Scott CAN,  Kirsty Coventry ZWE,  Seung-Min Ryu KOR e Emma Terho FIN) è stato democraticamente eletto e pienamente rappresentativo: “Lasciatemi dire che gli atleti sono già rappresentati all’interno della WADA, e lo sono perché il CIO ha deciso di riservare loro questi posti”.

Bach, campione olimpico di scherma, ha anche detto che il nuovo presidente della WADA, il polacco Witold Banka, agirà nel primario interesse degli atleti. Banka, medaglia d’oro nell’atletica alle Universiadi 2012 (4×400), sarà coadiuvato dal vice presidente Yang Yang (CHN), due volte campione olimpico nello short track, e dal dominicano Marco Diaz, ex nuotatore di acque libere in veste di coordinatore delle attività.

Ph. G.Scala/Deepbluemedia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
"È la testa che fa la differenza"

“È la testa che fa la differenza&#...

Nuoto•com: Quando è nata la tua passione per le acque libere? Edoardo Stochino: La mia passione per le acque libere ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu