“Ho cercato di impiccarmi”: Tom Shields racconta la sua depressione

Lo scorso 26 dicembre Tom Shields, farfallista USA campione olimpico a Rio 2016,  ha pubblicato un durissimo post su Instagram nel quale rivela di aver cercato di togliersi la vita

 

Visualizza questo post su Instagram

 

A little over a year ago I tried to hang myself. If G didn’t miraculously turn around and come home from her commute I wouldn’t be alive today. She called me out of the blue at a time I normally wouldn’t be reachable, and distracted me til she got back⁣. ⁣ The best description I can offer of what happened:⁣⁣⁣ ⁣⁣⁣ I was a caught in a certain line of thinking, one that convinced me “I should get out of the way of the people I hurt, I will never get my shit together, or be worthwhile. I am simply incapable of becoming the person I want to be, so the best course of action would be to die, and cease the pain I bring into the world”. I had spent many years fantasizing and reveling in this line of thought. My therapist has convinced me that this belief is not connected to who I am. It is rather a “neural pathway” that may have helped me survive an earlier time in my life, but is simply hurting me now. I have learned many strategies to help me deal with it, but it’s a daily battle.⁣⁣⁣ ⁣⁣⁣⁣⁣ If you feel any resonation with the above, I urge you to seek help immediately, because it could be any old day that the thoughts take over, and you act out against yourself. ⁣⁣⁣⁣⁣ ⁣⁣⁣⁣⁣ I owe thanks to more than I can ever mention, but to those in my life who rescued me; my wife, the guys at cal, Dave, Chase, my friends back home, USA swimming, a special shout out to @sean28mahoney, and even more people who, with or without knowing it, helped me unfuck my brain and gave me time/support to grow. This past year has been the hardest, coolest, most rewarding time of my life.⁣⁣⁣⁣⁣ ⁣⁣⁣⁣⁣ This is the first picture of Gianna and I after that time. She had gotten us a hotel and took the rest of the week off to be there for me. I am so thankful for her, and do not understand how I got so lucky. She is the light of my life, and the most supportive, kind, loving, and patient person I’ve ever met. ⁣⁣⁣ It’s crazy to look back. I am so thankful for a year of growth, one I wouldn’t trade for anything. A younger version of me would be bummed I didn’t swim a best time or good at all for a 5th year in a row, but I am finally learning to recognize and to value different kinds of growth.

Un post condiviso da Tom Shields (@beefytshields) in data:

Poco più di un anno fa ho cercato di impiccarmi. Se per miracolo G (la moglie Gianna, NdR) non fosse rientrata a casa oggi non sarei vivo. Di punto in bianco mi ha chiamato in un orario in cui di solito non sono raggiungibile e e mi ha tenuto al telefono fino al suo rientro. (…) Ero entrato in un flusso di pensieri che mi avevano convinto che dovevo uscire dalla vita delle persone che stavo facendo soffrire, che non riuscivo a combinare niente, che non valevo niente. Che semplicemente ero incapace di diventare la persona che volevo essere, e che la cosa migliore che potevo fare era togliermi la vita e terminare le pene che portavo al mondo. (…) Il mio terapista mi ha spiegato che (…) si tratta di una “scorciatoia mentale” che può avermi aiutato a sopravvivere in una certa fase della mia vita ma che ora mi sta danneggiando. Ho imparato delle strategie per tenerla sotto controllo, ma è una battaglia quotidiana. Se vi riconoscete in queste parole, vi invito a cercare immediatamente aiuto, perché in qualsiasi momento i pensieri negativi potrebbero prendere il sopravvento e potreste farvi del male.

Dopo la pubblicazione del post Shields ⁣⁣⁣⁣⁣è stato raggiunto dai colleghi di Swimming World Magazine con i quali ha avuto modo di precisare ulteriormente il suo pensiero.

Questo post non era una richiesta di aiuto. Era il desiderio di condividere un’esperienza e di togliere lo stigma che circonda i problemi di salute mentale. Avrei voluto essere abbastanza maturo per chiedere aiuto. Oggi non credo di poter cambiare il mondo, voglio solo condividere quello che ho vissuto.

Penso di avere preso il nuoto troppo sul serio. Il mio migliore amico aveva un lavoro pronto nel caso avesse fallito la qualificazione olimpica, io no. Mia moglie frequentava ancora l’università e io sono entrato nell’ossessione ‘devo avere successo per potermi sostenere finanziariamente’.

Shields ammette di non essere stato uno studente eccellente e di non essersi impegnato abbastanza per costruirsi un futuro fuori dalla piscina, e di essere così arrivato ai Trials olimpici 2016 soffrendo cronicamente di insonnia e con la sensazione di avere tutte le carte sul tavolo. Alla fine ha comunque conquistato la qualifica per Rio, dove si è piazzato settimo nei 100 farfalla, ventesimo nei 200 e ha conquistato la medaglia d’oro nuotando le batterie con la staffetta mista. Dopo Rio le preoccupazioni per il futuro sono aumentate e ha iniziato ad assumere medicinali per dormire, ma l’effetto è stato controproducente. Nel 2017 ha fallito le qualificazioni mondiali, venendo estromesso da Team USA per la prima volta dal 2013.

Pensi troppo quando non riesci a dormire. Nell’autunno del 2018, dopo 72 ore di insonnia, privo di ogni motivazione e incapace di calmarmi, ho pensato che dovevo uscire dalla vita delle persone a cui stavo facendo del male (…) e che la miglior cosa che potevo fare era uccidermi.

Fortunatamente, la sua compagna era pronta ad intervenire e lo ha aiutato a trovare una terapia efficace.
Oggi Shields vuole aiutare le persone nella sua stessa condizione che non hanno il coraggio di uscire allo scoperto e chiedere aiuto e ha deciso di chiudere la sua esperienza di nuotatore con le Olimpiadi di Tokyo, se riuscirà a conquistare la convocazione.

Mi piacerebbe far parte della squadra e continuare a crescere come leader, ma il nuoto non è più in cima alle mie preoccupazioni.

Leggi l’intervista completa

Ph. ©G.Scala/Deepbluemedia/Insidefoto

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Iron Mark a Nuotopuntolive: oggi alle 18 la presentazione live su Facebook e Youtube

Iron Mark a Nuotopuntolive: oggi alle 18...

Appuntamento letterario questo pomeriggio sulle nostre pagine Facebook e Youtube. Nuotopuntocom è lieta di ospitare la prima presentazione ufficiale di ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu