Federica Pellegrini a Io Donna: la vita dopo le Olimpiadi

Cosa rappresenta Tokyo 2020? Comunque vada sarà una bellissima gara” così Federica Pellegrini a “Io Donna”.  Sarà l’ultima Olimpiade, dopo una vita dedicata al nuoto, lo sport che tanto le ha dato, che le ha permesso di affermarsi come la più forte duecentista in circolazione e di meritarsi un posto tra le più grandi sportive azzurre di sempre. Ma Federica Pellegrini non è solo nuoto, dietro l’atleta c’è una donna forte e sensibile contemporaneamente, con la passione per la moda e l’amore per le piccole cose, come la sua cagnolina Vanessa.

Dopo la grande manifestazione a cinque cerchi, il nuoto sarà orfano di una protagonista indiscussa dell’ultima decade; Federica ha già in serbo qualcosa per il suo futuro, ma “è ancora presto per parlarne” rivela. Intanto, ha già avuto modo di superare la propria timidezza fuori dalle corsie, dove è dominatrice assoluta, lo scorso anno, sedendosi al tavolo dei giudici di Italian’s Got Talent, esperienza che ripeterà anche quest’anno.

Insieme a tutto il gruppo di allenamento guidato da Matteo Giunta, ha trascorso le ultime settimane di uno splendido 2019 in ritiro a Livigno per prepararsi in vista di marzo, quando si dovrà strappare il pass per salire sull’aereo che la condurrà in Giappone, per l’ultimo 200 stile libero. Questa volta, per davvero.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

😎😎So di essere molto competitiva nella vita,non tanto verso gli altri ma soprattutto verso me stessa 😎😎 #todayout #iodonna

Un post condiviso da Federica Pellegrini (@kikkafede88) in data:

 

Qui l’intervista completa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING

XXII Coppa della Perdonanza

L’Aquila
03-12-22

1° Livorno Winter Meet

Livorno
17-12-22

Laus Christmas Cup

Lodi
18-12-22
Solidarietà Olimpica: dalla nascita al giorno d’oggi, una storia raccontata da Pere Mirò

Solidarietà Olimpica: dalla nascita al g...

Pere Mirò entra a far parte del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) nel 1992 su richiesta dell’allora presidente Juan Antonio Samaranch, ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu