Villaggio olimpico: primi dettagli

Il Comitato organizzatore di Tokyo 2020 ha fornito i primi dettagli sul Villaggio olimpico, evidenziandone l’accessibilità e la facilità d’uso.

Posizionato nel cuore della capitale, il villaggio occupa 44 ettari (440.000 metri quadri) e guarda da tre lati sul mare.

Al centro, una stazione degli autobus per garantire il continuo collegamento con gli impianti.

©Kyodo News

I 21 edifici di 14-18 piani ospiteranno 18.000 fra atleti e tecnici durante le Olimpiadi e 8.000 durante le Paralimpiadi, suddivisi in 3.800 unità da 8 persone divise in camere doppie. il telaio dei letti è realizzato in cartone riciclato, in linea con la scelta di organizzare Olimpiadi il più possibile ecosostenibili.

Al termine dei Giochi gli impianti di climatizzazione saranno donati alle popolazioni del Nordest colpite dallo tsunami del 2011. Gli appartamenti saranno riconvertiti in unità immobiliari residenziali. Tutta la biancheria sarà disponibile sul posto con servizio di lavanderia incluso, mentre sarà possibile noleggiare televisori ed elettrodomestici

©Kyodo News

Il ristorante a due piani sarà in funzione 24 ore al giorno, non essendo previste cucine interne agli appartamenti per ragioni di sicurezza. Sempre in funzione anche un ambulatorio medico e una palestra attrezzata.

Il tono prevalente del villaggio è il blu indaco, con le aree residenziali divise in quattro sezioni (Sole, Parco, Porto, Mare) ciascuna declinata in un colore specifico. Nella piazza antistante il villaggio saranno attivi l’accredito e il merchandising.

L’apertura ufficiale è prevista per il 14 luglio, 10 giorni prima della cerimonia di apertura, e resterà in funzione fino a tre giorni dopo la chiusura (9 agosto). Dal 18 agosto sarà nuovamente disponibile per gli atleti paralimpici fino al 9 settembre.

Ph. ©Nick Kwan @Pexels

image_pdfScarica contenuto in pdf
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
Martina Grimaldi: "Dopo la maternità vorrei tornare in acqua, ma immagino anche un futuro a bordo vasca"

Martina Grimaldi: “Dopo la materni...

Abbiamo avuto il piacere di fare una bella chiacchierata con Martina Grimaldi, campionessa mondiale (Barcellona 2013) ed europea (Berlino 2014) ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu