Coronavirus e sospensione dei test antidoping in Cina: crescono le preoccupazioni per un’Olimpiade “pulita”

La decisione presa lo scorso 3 febbraio dalla Cina di sospendere i controlli antidoping a causa dell’epidemia di Covid-19 crea sempre maggiore preoccupazione fra chi teme che questa decisione possa compromettere l’equità degli imminenti Giochi di Tokyo.

Rob Kohler, direttore generale di Global Athlete, ha rilasciato forti dichiarazioni in tal senso al quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung (FAZ):

Chiediamo una soluzione trasparente. CHINADA, l’agenzia antidoping cinese, ha sospeso i test lo scorso 3 febbraio. Questa sospensione potrebbe durare settimane o mesi, con le Olimpiadi che prenderanno il via il 24 luglio. Senza voler compromettere le necessarie operazioni di contenimento del Covid-19, chiediamo chiarezza e misure che fughino qualsiasi sospetto di imbrogli. È un diritto degli atleti cinesi che vogliono gareggiare a Tokyo e degli atleti che contro i cinesi gareggeranno. Questo diritto include informazioni complete sulle misure di controllo antidoping che saranno prese nei prossimi mesi.

Leggi l’intervista completa [GER]

image_pdfScarica contenuto in pdf
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING

Campionati Europei

BUDAPEST
10-05-21
Il ritorno della 19enne stakanovista Li Bingjie, 14 prove per 6.600 metri di gare in 7 giorni.

Il ritorno della 19enne stakanovista Li ...

La 19enne liberista Li Bingjie (2002), nel corso dei XIV Campionati Nazionali cinesi di Qingdao ha preso parte a sette giornate ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu