Illumina i momenti migliori della tua vita con Pegaso Systems

Tra i sostenitori di Nuotopuntocom ci sono i partner, che sin dall’inizio hanno creduto nel progetto editoriale.

Oggi vi raccontiamo l’azienda Pegaso Systems, con un’intervista al direttore commerciale Fabio Gardinali.

Salve Fabio, come nasce Pegaso Systems e perchè?

Pegaso Systems nasce nel 2005 a Genova. Contrariamente al presente, l’obiettivo originario era quello di fornire al settore impiantistico navale sistemi di rilevamento dati fisici a bordo nave: stress materiali, temperature di esercizio e altro. Tuttavia la crisi di tale settore, in seguito alla recessione economica mondiale del 2008, ha spinto l’azienda a rivedere il proprio core business e a dedicarsi alla nascente tecnologia del led per illuminazione. Oggi Pegaso Systems progetta e produce fari a led ad alta resa e basso consumo enegetico.

A chi si rivolge la vostra azienda?

Il target preferenziale è rappresentato da gestori o proprietari di impianti sportivi. Nello specifico, parliamo di qualsiasi tipo di sport che richieda illuminazione: calcio, tennis, nuoto, pattinaggio e via discorrendo. Siamo anche fornitori del settore industriale e della logistica terrestre e marittima.

Quali sono i punti di forza e le peculiarità di Pegaso Systems?

Ogni fornitura viene preceduta da un progetto illuminotecnico per garantire le norme di illuminazione minima richieste dalle  Federazioni Sportive. I nostri tratti distintivi sono: la possibilità di smontare i fari led per manutenzione o aggiornamento dei singoli componenti; l’elettronica separata dalla fonte luminosa led per permettere di posizionare, ove possibile, gli alimentatori in un punto facilmente accessibile per la manutenzione; l’illuminazione regolata da dimmer, per ottimizzare i consumi quando non è indispensabile utilizzare il massimo livello di illuminazione, ad esempio durante gli allenamenti. Inoltre, i fari sono riciclabili al 98%, in quanto realizzati in alluminio, vetro e acciaio, nel pieno rispetto dell’ambiente. In alternativa all’acquisto, i centri sportivi possono usufruire del comodato d’uso pluriennale che consente di evitare importanti esborsi iniziali, usufruendo del servizio per un periodo di tempo stabilito congiuntamente.

Oltre alla produzione e progettazione di fari a led, che rappresentano la vostra attività core, vi sono delle integrazioni a supporto?

Si, integriamo la proposta di illuminazione con un sistema di controllo e gestione. Abbiamo brevettato una centralina che consente di controllare a distanza un impianto elettrico. L’applicazione di chiama Pegaso IoT (Internet of Things). Sviluppato tramite propria piattaforma operativa, il sistema è fruibile su piattaforma iOS e Android, che tramite un’abilitazione fornita da QRcode univoco riserva alle sole persone autorizzate la capacità di gestire impianti locali o remoti con attivazioni, diagnostica, reportistica.

Ci sono dei progetti o obiettivi futuri che vorrebbe condividere?

Sin dalle origini,  il nostro obiettivo era quello di migliorare continuamente il nostro prodotto illuminotecnico. L’attuale emergenza sanitaria ci ha spinto a riflettere e a cercare un modo per essere utili anche nel delicato settore della sanificazione . Un’idea che si è concretizzata affiancando ai led per illuminazione una nuova linea di essi per la sanificazione di oggetti ed ambienti . Si tratta di radiazioni ultraviolette di categoria C, in grado di uccidere batteri e virus (UVC). Ad oggi stiamo pensando di realizzare un prodotto consumer di ampia diffusione e di utilizzo domestico, ma anche dedicato alla nostra clientela abituale, quindi la necessità di sanificare vasche natatorie o spogliatoi di impianti sportivi o altri ambienti comuni. Questa tecnologia di sanificazione è da tempo disponibile tramite diffusori a tubo di quarzo e sono da poco disponibili nuovi chip led in grado di garantire gli stessi risultati ma con consumi energetici inferiori e nel totale rispetto dell’ambiente. L’obiettivo specifico è quello di produrre piccoli contenitori ad uso privato per la sanificazione di cellulari, chiavi, scarpe, mascherine, guanti, ma anche fari per gli ambienti e gli spazi comuni. La sanificazione deve essere effettuata in assenza di persone perchè dannosa per la pelle e per gli occhi.

Qual è il vostro progetto più recente?

Tra gli altri è senz’altro degno di nota il rifacimento dell’illuminazione della Piscina D. Samuele, Centro FIN Lombardia di Milano Mecenate , che garantisce 600 lux sull’acqua durante le attività agonistiche, ma è dimmerabile fino al 50% per le normali attività di allenamento. Questo consente di dimezzare i consumi elettrici senza dover spegnere una parte delle lampade con conseguente disomogeneità dell’illuminamento nella sala.

Cosa l’ha colpita del progetto editoriale di Nuoto.com?

Conoscevo la prima denominazione del sito, ovvero Nuoto.it. L’idea di far rinascere questo importante portale di informazione per il settore del nuoto trovo che sia stata brillante e i riscontri lo confermano, in più aggiungo che si tratta di contenuti molto freschi, pratici e puntuali.

Il sito ufficiale di Pegaso Systems

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Stefania Pirozzi a #Nuotopuntolive: "Il nuoto non è tutto per me, ma sogno Tokyo prima di tuffarmi in altro"

Stefania Pirozzi a #Nuotopuntolive: R...

Stefania Pirozzi è stata l'ospite di questa settimana a #Nuotopuntolive. La ventiseienne poliziotta campana, trasferitasi ormai in pianta stabile a ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu