Russia. Dal 20 maggio riprendono i test anti-doping

Yury Ganus, il direttore generale della RUSADA, la chiacchierata agenzia russa antidoping, ha dichiarato che i test agli atleti saranno ripresi dopo il 20 maggio, erano stati sospesi lo scorso 27 marzo su indicazione del presidente Vladimir Putin che obbligò chi lavorava in settori non essenziali di rimanere a casa a causa dell’epidemia di coronavirus, la priorità dei test sarà data agli atleti in corso di preparazione per i Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo del prossimo anno. Ganus ha dichiarato “Abbiamo sviluppato una modalità di effettuazione dei test che si adatta in circostanze così complicate, abbiamo elaborato un meccanismo per questa situazione“.

Lo scorso gennaio, il ministro dello sport della Russia Oleg Matytsin, nel corso di una videoconferenza con la stampa ha dichiarato che la richiesta WADA di sospendere per quattro anni la Russia da ogni competizione deve essere respinta dal CAS di Losanna (Corte Arbitrale per lo Sport) per evitare ulteriori danni al movimento olimpico già provato dal posticipo dei Giochi olimpici a causa della pandemia di COVID-19, al momento il CAS ha però bloccato tutte le udienze a data da destinarsi.

La WADA, l’agenzia mondiale antidoping, ha pubblicato e reso disponibile un aggiornamento delle linee guida per le organizzazioni antidoping (ADO) sulla ripresa dei test agli atleti in vista del progressivo ritorno alla normalità già in atto in numerosi paesi del mondo.

Il direttore generale della WADA, Olivier Niggli, ha dichiarato: “La WADA e la comunità antidoping sanno che continuerà ad essere un momento difficile e incerto per gli atleti. Come comunità, dobbiamo garantire che i test continuino o riprendano solo con i necessari protocolli di salute e igiene. La sicurezza degli atleti e di coloro che li circondano rimane la nostra preoccupazione principale. Dobbiamo anche fare tutto il possibile per garantire all’atleta che, quando riprenderanno gli eventi sportivi, saranno il più regolari possibile.

Ed aggiunge cercando di rassicurare il mondo dello sport agonistico. “Il sistema antidoping nella sua globalità non riguarda solo i test. Ad esempio, il Passaporto biologico dell’atleta è uno strumento utile per valutare il profilo a lungo termine per ciascun atleta. Continuiamo a ricevere informazioni tramite il nostro programma per informatori, “Speak Up!” , che può portare a test mirati o all’avvio di indagini. E WADA sta aumentando l’accesso ai programmi di educazione e informazione Clean Sport in tutto il mondo per gli atleti e il loro personale di supporto. Quindi disponiamo di strumenti che possiamo usare per mantenere l’integrità del sistema anche quando i test vengono temporaneamente ridotti o sospesi”.

Nel frattempo l’USADA ha lanciato il “Project Believe 2020” , un progetto pilota per i test antidoping da remoto

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Stefania Pirozzi a #Nuotopuntolive: "Il nuoto non è tutto per me, ma sogno Tokyo prima di tuffarmi in altro"

Stefania Pirozzi a #Nuotopuntolive: R...

Stefania Pirozzi è stata l'ospite di questa settimana a #Nuotopuntolive. La ventiseienne poliziotta campana, trasferitasi ormai in pianta stabile a ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu