Comunicare in rete: istruzioni per l’uso

Questi mesi di clausura forzata hanno costretto anche i più recalcitranti a trascorrere un paio d’ore al giorno davanti a uno schermo, e la necessità di rimanere in contatto con colleghi, atleti, allievi ad attivare almeno un paio di profili social a testa.

Donne e uomini di bordo vasca, abituati alla comunicazione faccia a faccia, si sono scoperti facili prede di fake news, haters, troll, flames e di ogni altra sorta di trabocchetto digitale.

Ma perché è così difficile comunicare in rete? Una piazza virtuale nata per essere luogo di aggregazione si è trasformata in un campo di battaglia sul quale molti danno il peggio di sé.

Ma trovare forme di convivenza digitale è indispensabile, più che mai nella società del Covid-19, costretta ad utilizzare la comunicazione mediata dal computer in maniera ancora più imponente. Ne parliamo con uno dei più competenti ed efficaci giornalisti scientifici italiani: Massimo Sandal. Biologo molecolare e computazionale votato alla divulgazione, scrive su Le Scienze, Wired, Esquire Italia, il Tascabile ed ha recentemente pubblicato per i tipi del Saggiatore La malinconia del mammutun saggio che con il pretesto dell’estinzione parla dei temi fondamentali del presente: sostenibilità ambientale, cambiamento climatico, ingegneria genetica.

Autore eclettico e stimolante, particolarmente attento alle dinamiche della comunicazione digitale e non, Sandal sarà in diretta su Nuoto•live martedì 19 maggio alle 18.30. Come di consueto potrete seguire l’intervista e interagire con l’ospite su:

Massimo Sandal su Facebook

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Riccardo Vernole per Nuotopuntocom: la FINP verso Tokyo

Riccardo Vernole per Nuotopuntocom: la F...

A margine del Campionato italiano in acque libere FINP di Alghero (Freedom in water), abbiamo incontrato ed intervistato il Commissario ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu