La Torta Olimpica dal 1968 al 1988 – Parte 3

Continua l’analisi di Massimo Anelli con la pubblicazione della terza fetta della Torta Olimpica, a fondo pagina le precedenti proposte.

 

La Torta Olimpica dal 1948 al 2016 (Una fetta al giorno)

FETTA NUMERO 3: 1968-1988

FINALISTI

NAZIONE FINALISTI PERCENTUALE
USA 285 21,0%
GDR 165 12,1%
RUS/URS/EUN 139 10,2%
AUS 126 9,3%
GER 97 7,1%
CAN 89 6,5%
GBR 73 5,4%
NED 58 4,3%
SWE 45 3,3%
HUN 43 3,2%
ITA 35 2,6%
FRA 31 2,3%
JPN 30 2,2%
BRA 13 1,0%
NZL 13 1,0%
ROU 12 0,9%
MEX 11 0,8%
CHN 10 0,7%
ESP 9 0,7%
BUL 9 0,7%

 

Nel periodo in oggetto si assiste a una flessione delle forze storiche: Stati Uniti, Australia e, soprattutto, Ungheria. Mentre i primi perdono punti ma rimangono saldamente in testa, Australia e Ungheria perdono vistosamente posizioni relative. Assistiamo poi a una redistribuzione dei finalisti, che, ad un’analisi approfondita, risulta “falsa”. In particolare si nota che:

  • Le nazioni natatoriamente piccole migliorano le loro percentuali, ma senza impennate significative. Pertanto, si potrebbe quasi concludere che la maggior parte del nuovo apporto percentuale sia dovuto alla diminuzione forzata dei finalisti per nazione (da 3 a 2), avvenuta con le olimpiadi del 1984 e 1988.
  • I punti persi dalle forze storiche finiscono soprattutto nelle mani del blocco sovietico: URSS e, soprattutto, Germania Est. Certo, il boicottaggio del 1980 (solo parzialmente bilanciato da quello opposto del 1984) ha avuto un peso notevole, per l’URSS in campo maschile e per la GDR in quello femminile.

PUNTI

NAZIONE PUNTI PERCENTUALE
USA 1.879 26,4%
GDR 1.027 14,4%
RUS/URS/EUN 735 10,3%
AUS 637 8,9%
CAN 461 6,5%
GER 448 6,3%
GBR 350 4,9%
NED 262 3,7%
SWE 216 3,0%
HUN 192 2,7%
FRA 123 1,7%
ITA 117 1,6%
JPN 116 1,6%
BRA 72 1,0%
ROU 55 0,8%
CHN 46 0,6%
BUL 42 0,6%
NZL 42 0,6%
MEX 36 0,5%
SRB/YUG 32 0,4%

 

Se guardiamo ai punti, osserviamo subito il salto in avanti di USA e GDR e la solita stabilità “al ribasso” per tutti gli altri. L’indice di qualità “punti/finalisti” ci aiuta a valutare il peso dei finalisti per ciascuna nazione.

NAZIONE INDICE QUALITA’
USA 1,3
GDR 1,2
BRA 1,0
RUS/URS/EUN 1,0
CAN 1,0
AUS 1,0
GBR 0,9
SWE 0,9
GER 0,9
NED 0,9
HUN 0,9
FRA 0,7
JPN 0,7
NZL 0,6
ITA 0,6

 

MEDAGLIE

NAZIONE MEDAGLIE PERCENTUALE
USA 181 35,4%
GDR 92 18,0%
RUS/URS/EUN 53 10,4%
AUS 41 8,0%
CAN 28 5,5%
GER 22 4,3%
GBR 18 3,5%
HUN 13 2,5%
NED 11 2,2%
SWE 10 2,0%
FRA 5 1,0%
CHN 4 0,8%
ITA 4 0,8%
JPN 4 0,8%
ROU 3 0,6%
BUL 3 0,6%
POL 2 0,4%
MEX 2 0,4%
BRA 2 0,4%
SRB/YUG 2 0,4%

 

Le medaglie ampliano il gap tra il duo USA/GDR e il resto del mondo, un resto del mondo che inizia con la tendenza a redistribuirsi la torta, almeno per quanto concerne argenti e bronzi, come vedremo poi.

E, diciamolo, c’è anche l’Italia: Novella Calligaris (3 nel 1972) e Stefano Battistelli (1 nel 1988).

Ma diamo un’occhiata al solito indice di qualità “medaglie/finalisti”.

 

NAZIONE INDICE QUALITA’
USA 1,7
GDR 1,5
RUS/URS/EUN 1,0
AUS 0,9
CAN 0,8
HUN 0,8
GBR 0,7
SWE 0,6
GER 0,6
NED 0,5
FRA 0,4
JPN 0,4
ITA 0,3

 

ORI

NAZIONE ORI PERCENTUALE
USA 80 46,8%
GDR 38 22,2%
AUS 13 7,6%
RUS/URS/EUN 11 6,4%
HUN 5 2,9%
SWE 4 2,3%
CAN 4 2,3%
GBR 3 1,8%
GER 3 1,8%
JPN 3 1,8%
NED 3 1,8%
MEX 1 0,6%
SRB/YUG 1 0,6%
SUR 1 0,6%
BUL 1 0,6%

 

La torta del gradino più alto del podio non lascia scampo: USA e GDR fanno da sole il 67%. Alle loro spalle il gruppo è compatto, complice il crollo dell’URSS (che prende medaglie, ma d’argento e bronzo – fuori dall’edizione 1980, gli ori sono solo 2). Emerge, come suo solito, l’Australia, che tiene il podio nel suo periodo natatorio più oscuro.

Seguirà la prossima settimana la pubblicazione della quarta fetta della torta olimpica.

 

Le precedenti proposte.

image_pdfScarica contenuto in pdf
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
Nessun articolo trovato.
  • CALENDARI E MEETING
L'Italfondo nuota nell'oro. Stefano Rubaudo: "Una bellissima spedizione"

L’Italfondo nuota nell’oro. ...

Passano i giorni ma il medagliere delle acque libere a Budapest continua a parlare italiano. Dopo l'oro e il bronzo ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu