FINA. 6 milioni di dollari per assistere il nuoto mondiale.

La FINA mezzo comunicato on line ha pubblicato un piano di supporto economico per gli atleti probabili olimpici che supera i 6 milioni di dollari, sono stati presentati tre programmi d’intervento e di distribuzione delle risorse.

INTERVENTI ECONOMICI

• 4 milioni di dollari saranno destinati a sovvenzionare circa 160 Federazioni Nazionali per fornire supporto all’allenamento degli atleti, partecipazione alle competizioni e relative spese di soggiorno.

• 460.000 dollari vengono destinate alle cinque organizzazioni continentali, fra le quali la LEN, per consentire la destinazione di ulteriore risorse agli atleti.

• 2 milioni di dollari sono destinati agli atleti con borse di studio FINA che svolgono attività presso i centri di formazione FINA o presso le strutture di allenamento della Federazione nazionale, vedi i nostri Centri federali.

“L’obiettivo principale di questo programma è fornire assistenza diretta agli atleti che si preparano a gareggiare a Tokyo. FINA riconosce l’importanza del supporto a tutti gli atleti, gli atleti d’élite con prospettive di medaglia, così come gli atleti meno esperti dei paesi in via di sviluppo che cercano di raggiungere gli standard di qualificazione olimpica ” ha dichiarato il presidente Maglione.

Altri passaggi del Comunicato FINA.

FINA ha pianificato questi programmi per esprimere il suo costante impegno nei confronti degli atleti  che continuano a sopportare le difficoltà legate alla loro preparazione e alle competizioni a causa della pandemia. In precedenza, FINA si è impegnata in modo straordinario a ridistribuire in un periodo di quattro anni una parte sostanziale delle sue entrate relative alle Olimpiadi. Tuttavia, poiché molti piani precedenti delle Federazioni nazionali e delle organizzazioni continentali non possono aver luogo a causa delle restrizioni negli spostamenti, FINA ha consentito un elevato livello di flessibilità nell’utilizzo del proprio sostegno finanziario, con una forte enfasi sull’assistenza diretta agli atleti.

Inoltre, il programma di borse di studio FINA includerà 100 atleti delle federazioni nazionali che attualmente non hanno atleti con standard di qualificazione olimpica e consentiranno la loro preparazione presso i centri di formazione FINA in Senegal, Thailandia, Russia e Stati Uniti. Ogni atleta interessato ha diritto a un massimo di 2.000 dollari mensili per le spese di sostentamento e di allenamento con a disposizione allenatori di livello mondiale in strutture molto valide.

FINA ripone grande fiducia nelle Federazioni Nazionali e nelle Organizzazioni Continentali per sviluppare soluzioni creative ed efficaci per gli atleti che gareggeranno a Tokyo. Abbiamo sviluppato un processo semplice e diretto per aiutare economicamente gli atleti e sappiamo che questo livello di supporto finanziario senza precedenti consentirà agli atleti adi raggiungere il loro pieno potenziale ”, ha concluso il presidente Maglione.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Riccardo Vernole per Nuotopuntocom: la FINP verso Tokyo

Riccardo Vernole per Nuotopuntocom: la F...

A margine del Campionato italiano in acque libere FINP di Alghero (Freedom in water), abbiamo incontrato ed intervistato il Commissario ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu