Gli atleti chiedono a WADA una maggiore rappresentatività

Global Athlete, un’associazione internazionale di atleti che si propone di “ispirare e guidare cambiamenti positivi nel mondo dello sport equilibrando i rapporti di potere fra atleti e istituzioni sportive”, ha pubblicato insieme ad altre organizzazioni (The Athletics Association, AthletesCAN, Athleten Deutschland e.V, Danish Olympic Committee Athlete Commission, United States Olympic and Paralympic Committee Athlete Advisory Council) un appello all”Organizzazione mondiale antidoping (WADA)  affinché questa intraprenda iniziative più incisive per combattere il fenomeno del doping, del quale riportiamo i passaggi più incisivi:

INDIPENDENZA, TRASPARENZA, RESPONSABILITÀ E DIRITTI UMANI DEVONO GUIDARE IL CAMBIAMENTO

Gli atleti non possono aspettare ancora di vedere accolte le loro richieste per un’adeguata riforma della WADA. Le richieste degli atleti sono finora state messe in disparte, nonostante essi siano i protagonisti principali del movimento e i primi danneggiati dal mantenimento dello status quo.

Indipendenza

  • Contributi economici e potere decisionale devono essere separati
  • WADA deve creare una struttura libera da conflitti di interessi
  • Il Comitato esecutivo di WADA deve essere composto in base alle competenze e rimanere completamente indipendente. Ciò comporta anche una rappresentanza degli atleti

Trasparenza

  • I procedimenti attivati da WADA devono essere resi noti
  • Tutte le sanzioni devono essere rese pubbliche, così come i risultati delle indagini
  • Le verifiche di conformità devono essere prese dal Consiglio di fondazione e non dal Comitato esecutivo. Questo è un passaggio essenziale per riguadagnare la fiducia degli atleti

Responsabilità

  • Gli atleti devono avere una rappresentanza in tutti i tavoli decisionali. Gli atleti devono avere lo stesso numero di seggi del CIO e degli stati membri

Diritti umani

  • WADA deve verificare, attraverso una consultazione tra gli atleti, il rispetto dei diritti umani
  • L’Atto dei diritti degli atleti nelle procedure antidoping deve essere integrato nel Codice internazionale antidoping e reso vincolante per tutti gli stati membri

Leggi il comunicato integrale [ENG]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Riccardo Vernole per Nuotopuntocom: la FINP verso Tokyo

Riccardo Vernole per Nuotopuntocom: la F...

A margine del Campionato italiano in acque libere FINP di Alghero (Freedom in water), abbiamo incontrato ed intervistato il Commissario ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu