La giovane italnuoto è più viva che mai.

La Federazione Italiana Nuoto ha fortemente voluto i campionati italiani di categoria che quest’anno si sono svolti nella prima settimana di agosto. A causa dell’emergenza Covid-19 sono stati organizzati su base regionale, ma con l’obiettivo di rilanciare il settore giovanile. I risultati di rilievo non si sono fatti attendere e questo non può che fare piacere, come lo testimoniano le parole del Direttore Tecnico Cesare Butini e del Responsabile del settore giovanile Walter Bolognani.

Società ed atleti hanno risposto in maniera eccezionale e la parte organizzativa, gestita dai comitati regionali, è stata assolutamente impeccabile e ciò va anche oltre l’aspetto tecnico: gestire questa fase, inusuale, non era semplice. Il movimento è sano in tutta Italia: c’è voglia di nuotare e di gareggiare.

 

La FIN è stata all’avanguardia, vedendo quello che è avvenuto nel resto d’Europa anche in nazioni super potenti, che sono rimaste ferme. Voglio segnalare come il movimento, abbia retto benissimo l’urto spaventoso del lockdown e i riscontri cronometrici sono eccellenti, proprio in considerazione delle mille difficoltà affrontate in primavera.

NEWS COMPLETA DA FEDERNUOTO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Riccardo Vernole per Nuotopuntocom: la FINP verso Tokyo

Riccardo Vernole per Nuotopuntocom: la F...

A margine del Campionato italiano in acque libere FINP di Alghero (Freedom in water), abbiamo incontrato ed intervistato il Commissario ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu