Ricordando Gioele

Abbiamo raccontato Fabio Lombini attraverso i ricordi di persone a lui vicine e vogliamo fare lo stesso con l’amico Gioiele Rossetti. Dopo la bella testimonianza della Dott. sa Paola Contardi, riportiamo i pensieri dei compagni di squadra dell’Aurelia Nuoto Martina Caramignoli e Alessio Proietti Colonna e dell’allenatore Roberto Marinelli.
Ecco chi era Gioele:

Non conoscevo di persona Gioele, ma lo vedevo agli allenamenti. Ho sempre avuto l’impressione di un bravo ragazzo. Era puntuale e un grande lavoratore per quel poco che vedevo. Per tutti noi è stato un dolore immenso: ci ha lasciato un giovane con moltissime cose ancora da realizzare.

Martina Rita Caramignoli, Aurelia Nuoto

 

È stata una batosta per tutti coloro che lo conoscevano. Gioele era un ragazzo d’oro. Noi che ci allenavamo con lui eravamo un bel gruppo ed eravamo piuttosto legati, è stato davvero molto triste. Da qualche parte però sarà e rimarrà con noi per sempre.

Alessio Proietti Colonna, Aurelia Nuoto

 

Quando si ricorda un atleta che se ne va a 23 anni si rischia di cadere nel banale, nello scontato. Gioele era tutto fuorché banale e scontato. Gioele non era un campione, ma era un buon atleta. Si allenava con la stessa volontà e determinazione di un campione. Aveva ottenuto buoni risultati, ma di certo lontani da quelli di un campione. Io lo definisco un atleta con la A maiuscola per la sua dedizione e non solo al nuoto, ma anche ad altre iniziative quali la beneficenza o il soccorso agli animali, oltre alla passione per il volo. Era un punto di riferimento di affetto e  di disponibilità totale. Un atleta non solo nello sport, ma anche nella vita. Ricordo i ragazzi che venivano da zone lontane da Roma che spesso si appoggiavano alle abitazioni che lui metteva a loro disposizione gratuitamente. Era un ragazzo d’oro. Io ho vissuto questo aspetto, ma anche lo stileliberista, il ragazzo che ha vinto la medaglia d’oro nella staffetta e che voleva assolutamente gareggiare agli Assoluti. Ho dei gran bei ricordi e ancora mi pare strano il pensiero che alla ripresa degli allenamenti lui non ci sarà, ma anche tra i suoi compagni c’è la ferma convinzione di volerlo ricordare sempre, ogni qual volta che entreremo in acqua. E così faremo. Non sarà il ricordo, ma la sua presenza che ci farà stare bene.

Roberto Marinelli, Aurelia Nuoto

 

CORRELATI

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su reddit
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
  • EVENTI E FORMAZIONE
  • CALENDARI E MEETING
Il DT Cesare Butini sulla prossima stagione agonistica. "Anche dai giovani un segnale positivo".

Il DT Cesare Butini sulla prossima stagi...

A circa un mese dall'Europeo di Roma abbiamo raggiunto il direttore tecnico delle squadre nazionali Cesare Butini per raccogliere qualche ...

NEWSLETTER

Lasciaci i tuoi contatti e rimani aggiornato sulle nostre iniziative

Chiudi il menu